Post

Post in evidenza

Samādhirājasamādhi

  Nāgārjuna,  Mahāprajñāpāramitāśāstra  1.1. Sūtra  : Quindi, dopo aver sistemato lui stesso il sedile del leone, il  Bhagavat  si sedette a gambe incrociate;  [1]  tenendo il corpo eretto e fissando l'attenzione, entrò nel  samādhi  chiamato Re dei  Samādhi  , in cui sono incluse tutte le concentrazioni (  Atha  khalu  bhagavān svayam eva  siṃhāsanaṃ  prajñapya nyaṣīdat paryaṅkaṃ baddhvā ṛjukāyaṃ praṇidhāyābhimukhīṃ smṛtim upasthāpya samādhirājaṃ  nāma  samādhiṃ  samāpadyate sma  yatra  sarvasamādhayo 'ntargatāḥ  ). Śāstra  : Domanda. – Il  Buddha  ha un servitore (  upasthāyaka  ) e numerosi  bodhisattva  ; perché sistema lui stesso il trono del leone (  siṃhāsana  )? Risposta. – Questo sedile fu creato (  nirmita  ) dal Buddha stesso in accordo con la grande assemblea; ecco perché  Ānanda  [il servitore del Buddha] non poteva organizzarlo. Inoltre, è la mente del Buddha (  citta  ) che crea questa sede; per questo si dice che lo arrangia lui stesso. Domanda. – Cos’è questo 
Post recenti