Passa ai contenuti principali

IL RITO DELLO SCORPIONE











Uno degli errori più comuni del principiante, nell'accostarsi ad una posizione di media o alta difficoltà, è quello di aggredire l'Asana quasi fosse una fortezza da espugnare. Nel caso di VṚŚCIKĀSANA, ad esempio, cercherà innanzitutto gli appoggi giusti con l'aiuto di un muro o del comodo divano del soggiorno, provando e riprovando fin quando, con una certa soddisfazione non riuscirà ad ottenere una certa stabilità, e trascurerà i gesti, ritenuti banali, o facili di "entrata" ed "uscita" dalla posizione. Assumere la posizione acrobatica è assai più gratificante che ascoltare la circolazione delle energie in ginocchio, o ruotare dolcemente le scapole per predisporle alla pratica. 
Intendiamoci: non è che sia un male cercare di diventare fisicamente più forti ed abili, né usare dei sostegni. 
Che nello hatha yoga ci sia una certa componente ginnica è fuori discussione. 
Così come fuori discussione è il fatto che molti degli 84 Asana abbiano degli effetti positivi sulla salute. 
Ma per avvicinarsi alla comprensione dello Hatha Yoga si dovrà tener conto, sempre, dell'aspetto rituale delgli Asana. 






Un rito è scandito da cinque fasi (cinque è un numero tutt'altro che casuale): 
-INIZIO- 
-FASE DI AVVICINAMENTO- 
-CULMINE- 
-FASE DI ALLONTANAMENTO. 
-FINE/RIPOSO- 
La dinamica è, sempre e comunque, quella dell'Onda. 
L'onda marina non nasce improvvisamente. 
C'è un tempo di stasi o silenzio, più o meno breve, poi comincia ad innalzarsi, raggiunge la massima potenza e si scarica sullo scoglio o la spiaggia. 
Poi, dolcemente, farà il percorso opposto, fino ad esaurire l'energia e fermarsi, prima che il desiderio della Terra la scuota nuovamente. 
Desiderio è la parola giusta. 
Il rito dell'asana deve essere come un bacio tra due che si amano da sempre. 
Se guardo gli occhi e le labbra della donna che amo, nasce il desiderio del bacio. 
Mi avvicino fino ad accostare le labbra e aspetto che le sue, di labbra, si schiudano dolcemente, godo del suo sapore, e mi ritraggo, fin quando il desiderio non mi spinge di nuovo al bacio. 
L'asana, come il bacio, stimola delle secrezioni ormonali, ma , come per il bacio, il praticante deve essere prima, mosso dal desiderio, e poi riposarsi, un attimo, per ascoltare gli effetti della pratica. 
Cinque è il numero degli elementi fondamentali. 
L'INIZIO è l'infinita potenzialità dello SPAZIO. 
L'AVVICINAMENTO è l'ARIA che per gli yogin corrisponde al MOVIMENTO e al TATTO. 
Il Culmine è il FUOCO che genera Luce ed Energia. 
L'ALLONTANAMENTO è l'ACQUA che trascina via le impurità e, grazie all'Energia del Fuoco, attiva il suo potere di generazione e trasformazione. 
Il RIPOSO è infine la TERRA, la Manifestazione fisica dei processi innescati dal rito. 
L'andamento dell'Onda, la ritualità, è più importante dell'Asana in sé. 
Ogni volta che assumo una posizione ricreo una particolare forma della Manifestazione. 
Ok, si dirà, assumere l'Asana dello Scorpione è un Rito, ma di che rito si tratta? Cosa porta, al praticante? 
Nello straordinario Universo dei Veda tutto è connesso le stelle brillano fisicamente dentro di noi. 
Assumere l'Asana dello scorpione significa diventare una parte di Cielo. 
Basta un immagine per capire cosa intendo dire: 





Non c'è bisogno di molta fantasia per comprendere di che genere di rito si tratta. 
Se si confronta la posizione di Antares, una delle stelle più grandi dell'Universo, una supergigante Rossa, con la posizione della zona genitale in VṚŚCIKĀSANA, e si pensa che una delle caratteristiche più rilevanti della stella più luminosa dello Scorpione è il suo vento cosmico, una emissione di gas, particelle ed energia 10 milioni di volte superiore a quella del sole forse ci convinceremo che VṚŚCIKĀSANA non è una esibizione di di doti acrobatiche. 

Commenti

Post popolari in questo blog

L'UTILIZZAZIONE DELL'ORGASMO NELLO HAṬHAYOGA

  Qual è lo scopo principale dello Haṭhayoga ? Ingannare la malattia, la vecchiaia e la morte. La malattia, la vecchiaia e infine la morte - e quindi, per chi crede nella reincarnazione, la “trasmigrazione dell’anima – secondo lo Yoga medioevale, avvengono a causa dell’ Ariṣṭa , termine con cui si indica una particolare configurazione astrale che dipende dal giorno di nascita. Durante la vita dell’essere umano, la circolazione delle energie avviene quasi esclusivamente nel “canale di sinistra” - o “canale della Luna” - detto Iḍā e nel canale di destra – o “canale del Sole” - detto Piṅgalā e, di rado, nel canale centrale – o canale dell’Eclissi – detto Suṣumṇā. L’Ariṣṭa - che può essere sia di Sole sia di Luna – coincide con il deterioramento di uno dei due canali laterali, Iḍā e Piṅgalā, ed ha come effetto lo squilibrio della circolazione del flusso vitale Nei testi [1] si parla di “ spirazioni impetuose ”, che, ripetute per un certo numero di giorni, port

IL SIGNIFICATO NASCOSTO DEI MANTRA - OM NAMAḤ ŚIVĀYA

Alzi la mano chi non ha mai recitato un mantra indiano o tibetano senza avere la minima idea di cosa significasse. C'è addirittura una scuola di pensiero che invita ad abbandonarsi al suono, alla vibrazione e ad ascoltare con il cuore. Il personale sentire viene considerato un metro di giudizio assai più affidabile della razionalità, e l'atteggiamento più comune, nell'approccio alla "Scienza dei mantra è il " Che mi frega di sapere cosa vuol dire? L'importante è che mi risuoni! ". Devo dire che ci sta. Tutto nell'universo è vibrazione e ovviamente quel che conta è il risultato. Se uno recita 108 volte Om Namaha Shivaya senza sapere che vuol dire e poi si sente in pace con il mondo, va bene così. Anzi va MOLTO bene! Ma bisogna considerare che nei testi "tecnici" dello yoga, non numerosissimi, si parla di una serie di valenze simboliche, modalità di  pronuncia e possibilità di "utilizzo" che, secondo me, la maggi

MEDITAZIONE: OCCHI APERTI O CHIUSI?

  Voi come meditate? Con gli occhi aperti o con gli occhi chiusi? Non è una domanda oziosa...  Esistono tre diverse modalità di meditare: - con gli occhi chiusi; - con gli occhi socchiusi; - con gli occhi aperti. Così come  esistono tre diverse modalità di recitare i mantra: - recitati o cantati; - bofonchiati; - silenziosi. Queste diverse modalità corrispondono a tre diversi livelli di profondità o pratica: 1. Livello basso (occhi chiusi e mantra recitato o cantato); 2. Livello medio (occhi socchiusi e mantra bofonchiato); 3. Livello avanzato (occhi aperti e mantra silenzioso). Questo almeno è ciò che mi hanno insegnato, ma qualche anno fa ho scoperto, con sorpresa devo dire, che in molte scuole di Yoga si insegna a meditare esclusivamente con gli occhi chiusi. Fermo restando che ognuno debba praticare come meglio gli aggrada, esistono, nello yoga come in ogni altra attività umana, dei "fondamentali", delle istruzioni di base che vengono impartite al primo incontro o alla pr