Passa ai contenuti principali

CANTO D'AMORE

Stamattina, appena sveglio, ho aperto a caso una raccolta di Upanishad.
Un giochino che facevo spesso, tempo fa.
Ho aperto il libro e poi, ad occhi chiusi, ho puntato l'indice.
Stamattina ho trovato il canto d'Amore della Chandogya Upanishad (Tredicesimo Khanda).
Ho tradotto io, canto d'Amore, in realtà si chiama Sāman Vāmadevya.


So che le disquisizioni sui termini sanscriti e sui loro vari significati annoiano parecchio e da un po' di tempo, scrivendo di yoga, tento di parlare come mangio (esercizio di purificazione dai mirabili effetti, che consiglio vivamente...), ma in questo caso una disgressione piccola piccola, priva di pretese, forse potrebbe avere una sua qualche utilità.
Sāman significa melodia, abbondanza, felicità, tranquillità.
Vāmadevya, se non sbaglio, vuol dire "riferito a Vamadeva" che dovrebbe essere una delle cinque facce di Shiva, quella dolce e poetica che i rishi associavano all'Acqua e gli yogin tibetani al vento e al Nord (ci sono delle implicazioni alchemiche in questo, ma lasciamo stare)

Il brano che ho "trovato" stamattina, secondo me è interessante assai.
Lo incollo qua sotto senza commentarlo.
Ah, credo che per comprenderlo pienamente siano necessarie delle spiegazioni.
Il Saman, la melodia canto sacro dei Veda, è diviso come tutti i riti, in cinque fasi, chiamate Hinkara, Prastava, Udgitha, Pratihara e Nidhana.

Hiṅkāra significa Tigre, ciò che emette il suono hiṅ (Hign)
Prastāva significa Offerta, Introduzione, Proposta.
Udgīta significa Canto, Canzone ed è una della maniere per indicare la sillaba AUM.
Pratihāra significa Cancello, Porta, Tocco.
Nidhana significa Fine, Conclusione, Annichilimento, Domicilio.

Chandogya Upanishad
Tredicesimo khanda: 


Hiṅkāra è quando Lui La invita. 
Prastāva è l'offerta d'Amore. 
Quando i due l'uno all'altra si concedono è l'Udgīta. 
In Pratihāra Lui giace su di Lei e 
Nidhana, infine è l'orgasmo. 
Coloro che sanno, 
sanno che nel Sāman Vāmadevya 
sono i fili con cui si intesse l'Amore. 
Realizzano l'Amore, coloro che sanno, 
E generano altre vite. 
Che con l'amore ne generano altre. 
Solo così la Vita è degna d'esser vissuta. 
Si vive a lungo e si è ricchi.
Di discendenza ed armenti. 
Ricchi di Gloria. 
Non rifiutare mai l'offerta d'amore: 
così dice la Legge


Commenti

Post popolari in questo blog

L'UTILIZZAZIONE DELL'ORGASMO NELLO HAṬHAYOGA

  Qual è lo scopo principale dello Haṭhayoga ? Ingannare la malattia, la vecchiaia e la morte. La malattia, la vecchiaia e infine la morte - e quindi, per chi crede nella reincarnazione, la “trasmigrazione dell’anima – secondo lo Yoga medioevale, avvengono a causa dell’ Ariṣṭa , termine con cui si indica una particolare configurazione astrale che dipende dal giorno di nascita. Durante la vita dell’essere umano, la circolazione delle energie avviene quasi esclusivamente nel “canale di sinistra” - o “canale della Luna” - detto Iḍā e nel canale di destra – o “canale del Sole” - detto Piṅgalā e, di rado, nel canale centrale – o canale dell’Eclissi – detto Suṣumṇā. L’Ariṣṭa - che può essere sia di Sole sia di Luna – coincide con il deterioramento di uno dei due canali laterali, Iḍā e Piṅgalā, ed ha come effetto lo squilibrio della circolazione del flusso vitale Nei testi [1] si parla di “ spirazioni impetuose ”, che, ripetute per un certo numero di giorni, port

IL SIGNIFICATO NASCOSTO DEI MANTRA - OM NAMAḤ ŚIVĀYA

Alzi la mano chi non ha mai recitato un mantra indiano o tibetano senza avere la minima idea di cosa significasse. C'è addirittura una scuola di pensiero che invita ad abbandonarsi al suono, alla vibrazione e ad ascoltare con il cuore. Il personale sentire viene considerato un metro di giudizio assai più affidabile della razionalità, e l'atteggiamento più comune, nell'approccio alla "Scienza dei mantra è il " Che mi frega di sapere cosa vuol dire? L'importante è che mi risuoni! ". Devo dire che ci sta. Tutto nell'universo è vibrazione e ovviamente quel che conta è il risultato. Se uno recita 108 volte Om Namaha Shivaya senza sapere che vuol dire e poi si sente in pace con il mondo, va bene così. Anzi va MOLTO bene! Ma bisogna considerare che nei testi "tecnici" dello yoga, non numerosissimi, si parla di una serie di valenze simboliche, modalità di  pronuncia e possibilità di "utilizzo" che, secondo me, la maggi

MEDITAZIONE: OCCHI APERTI O CHIUSI?

  Voi come meditate? Con gli occhi aperti o con gli occhi chiusi? Non è una domanda oziosa...  Esistono tre diverse modalità di meditare: - con gli occhi chiusi; - con gli occhi socchiusi; - con gli occhi aperti. Così come  esistono tre diverse modalità di recitare i mantra: - recitati o cantati; - bofonchiati; - silenziosi. Queste diverse modalità corrispondono a tre diversi livelli di profondità o pratica: 1. Livello basso (occhi chiusi e mantra recitato o cantato); 2. Livello medio (occhi socchiusi e mantra bofonchiato); 3. Livello avanzato (occhi aperti e mantra silenzioso). Questo almeno è ciò che mi hanno insegnato, ma qualche anno fa ho scoperto, con sorpresa devo dire, che in molte scuole di Yoga si insegna a meditare esclusivamente con gli occhi chiusi. Fermo restando che ognuno debba praticare come meglio gli aggrada, esistono, nello yoga come in ogni altra attività umana, dei "fondamentali", delle istruzioni di base che vengono impartite al primo incontro o alla pr