Passa ai contenuti principali

MANIDVIPA - L'ISOLA DELLE GEMME






                                     L'ISOLA DELLE GEMME
Nello spazio infinito, bagnata dalle acque dell'Oceano di prima dell'inizio, c'è un'isola fatta di diamanti, perle e rubini.
È la dimora del Dio senza nome e della sua Sposa.
Dorme, il Dio senza nome, un sonno senza sogni.
La Dea, con gli occhi socchiusi e le gote arrossate dal desiderio, canta piano piano.
E' un canto antico, più antico dell'Uomo:

- “Ha Sa Ka La Hrim.......

Ha Sa Ka Ha La Hrim......

Sa ka la Hrim....” -

La Sposa si mette a danzare.
Una danza antica, più antica dell'Uomo
Tutto iniziò così.
Con un canto e una danza.
Finalmente il Dio senza nome si sveglia,
tende la mano destra alla sua Sposa.
Lei, la Bella dei Tre mondi, sorride.
China la testa di lato e sorride.
Danzando si scioglie la veste di seta e broccato.
É bella la Dea.
Il corpo del Dio si riempie di Vita
Il corpo della Dea si riempie di Lui.
- “Sa'ham” - Io sono Lei.
- ”So'ham” - Io sono Lui.







L'Isola delle Gemme (maṇidvīpa) è un piccolo paradiso pieno di fiori e alberi da frutto sui cui rami coppie di uccelli dai mille colori cantano e fanno l'amore senza posa. 
Le sue spiagge, bagnate dall'Oceano di Latte (o Oceano di Nettare) sono formate da milioni e milioni di pietre preziose. 
Al centro dell'isola , su un letto altare, la Dea Tripurasundari (la Bella delle Tre Città) danza sul corpo privo di vita di Shiva.
Shiva si scuote dal suo sonno senza tempo, sorride. nessuno può resistere alla danza della Dea: i suoi capelli sono neri come l'ala del corvo, gli occhi blu come il fiore di utpala.

 E' il Vento, la Dea, e Fuoco, e Mare e la terra vibra al ritmo del Suo cuore.
Shiva e Uma fanno l'amore e i gemiti della dea sono il suono che si fa Spazio e riempie di vita l'Universo. una volta, una volta ancora.
In basso quattro piccole divinità sembrano spiare, complici: sono i quattro Veda, I libri sacri dell'Induismo, il Corpo dell'Universo.







L'Isola delle Gemme è l'illustrazione del primo verso di un libro di Shankara Bhagavadpada, il Saundaryalahari:

"Senza la Dea è senza potere è il Signore Shiva."

[N.B.la traduzione letterale del verso credo sia : Se Shiva è unito a Shakti, è in grado di esercitare i suoi poteri come il Signore;
in caso contrario, il dio non è in grado di suscitare niente....]






Nello Yoga ( e non solo) i simboli sacri sono, insieme, suoni e immagini e forme.
L'isola delle Gemme è l'equivalente pittorico dello Sri Yantra o Sri Chakra.




E lo Sri Yantra , a sua volta, è "il corpo" del mantra delle sedici sillabe,
il Mantra della Dea :

Ka E I la Hrim Ha Sa Ka Ha La Hrim Sa Ka La Hrim.


(Sakala è lo Shiva che si sta svegliando attratto dalla danza erotica della Dea, ma ogni sillaba ha diversi significati, KA ad esempio è SHIVA, detto anche KALA o MAHA KALA, E in questo caso rappresenta Parvati, la SPOSA di Shiva, I è il desiderio, KAMA che li unisce forma di MAHA MAYA, LA o LAM è il "suono seme" della TERRA, che accoglie i fluidi genitali degli amanti e li trasforma in FRUTTI, HRIM è il nome segreto della DEA)

Nell'isola delle Gemme, nello Sri yantra, nell mantra delle sedici lettere si cela il nucleo dell'insegnamento Tantrico



"MEDITA SULLA DONNA COME FUOCO", si legge nei tantra.

E, ancora:

"SOLO SHIVA CONOSCE IL CUORE DELLA YOGHINI".




La Donna (la Dea è Fuoco) è l'energia della creazione e, insieme, la creazione stessa e solo Shiva può conoscere il suo cuore perchè lui stesso è la Dea.
Prima dell'inzio della manifestazione Shiva e Shakti, il principio e la sua potenza, sono UNA COSA SOLA
Sono l'Unico (Ekam), due in uno.








Non esiste ancora il mondo, non esistono ancora i cinque elementi (Spazio, Aria,Fuoco, Acqua, Terra), l'Universo è uno spazio infinito colmo di piacere.
Esiste, gode ed è nel piacere che trova la ragione del suo esistere.

Lo stato naturale (Sahaja) degli esseri viventi è ANANDA, la beatitudine infinita, perchè la vita nasce dall'unione dei DUE AMANTI che godono uno dell'altra.






Questo Spazio INDISTINTO di prima dell'inizio viene detto चिद् Cid - आकाश ākāśa ovvero lo spazio di Cit che vuol dire intelligenza o intelligibilità o sensibilità.
Immaginare Shiva e Shakti come spazio infinito ed indistinto è cosa che sfugge alle possibilità di comprensione dell'uomo.
Nell'ISOLA DELLE GEMME lo SPAZIO ILLIMITATO è il CIELO che avvolge i due amanti così come l'Oceano senza Sponde che bagna le spiagge di rubini e diamanti è il TEMPO ILLIMITATO.
La danza sensuale della Dea che risveglia il desiderio di Shiva ( come Usha , la Dea dell'Aurora, risveglia il desiderio di Brahma nel Kalika Purana) è l'energia della manifestazione, il PRANA.






Il Dio (mahakala) che si "risveglia" è Shiva nell'atto di riconoscere la Dea come manifestazione. Il Dio ricorda di essere uno con la Bella dei Tre Mondi : IO SONO QUESTO (So'Ham) o IO SONO LEI (Sā'Ham)
Spazio e Tempo illimitati avvolgono l'isola delle gemme.
I due Dei (due in uno) fanno l'amore .
La loro unione è Ananda, beatitudine suprema.
L'uno si si scinde, apparentemente, per unirsi di nuovo.
Anche questa non è cosa logica.
Anche questa è cosa che sfugge alle possibilità di comprensione dell'essere umano.
Nell'Isola delle Gemme tutto è Sat Cit Ananda - Esistenza/Coscienza/Piacere Supremo. Questo è Brahman: Spazio senza fine, Tempo senza fine, Piacere senza fine.





E' la " coscienza del piacere" che conduce alla manifestazione.
E' questo il SEGRETO DEI SEGRETI del TANTRA.
Una volta che la Dea ha acceso il desiderio dell Dio Niente potrà più fermare il Processo della Creazione. Shiva esercita il potere della MANIFESTAZIONE, la A dell'AUM
Una volta cominciato l'amplesso SHIVA esercita il potere della CONSERVAZIONE., la U dell'AUM
Con l'orgasmo della DEA che provoca l'orgasmo di Shiva, questi esercita il potere della dissoluzione, la M dell'AUM
E nella DISSOLUZIONE che i due tornano Uno (ma in realtà non hanno mai smesso di esserlo)ma solo fino al risveglio del desiderio.
Il desiderio è la VITA.





L'infinito piacere, l'infinito Tempo e l'infinito Spazio dell'isola delle gemme rappresentano l'intera manifestazione in potenza, sottile (Nama) e grossolana (Rupa),
I'Isola delle Gemme è il Brahmabindu, l'infinitamente piccolo, fonte di tutta la manifestazione, SAT CHIT ANANDA NAMA RUPA


Commenti

Post popolari in questo blog

L'UTILIZZAZIONE DELL'ORGASMO NELLO HAṬHAYOGA

  Qual è lo scopo principale dello Haṭhayoga ? Ingannare la malattia, la vecchiaia e la morte. La malattia, la vecchiaia e infine la morte - e quindi, per chi crede nella reincarnazione, la “trasmigrazione dell’anima – secondo lo Yoga medioevale, avvengono a causa dell’ Ariṣṭa , termine con cui si indica una particolare configurazione astrale che dipende dal giorno di nascita. Durante la vita dell’essere umano, la circolazione delle energie avviene quasi esclusivamente nel “canale di sinistra” - o “canale della Luna” - detto Iḍā e nel canale di destra – o “canale del Sole” - detto Piṅgalā e, di rado, nel canale centrale – o canale dell’Eclissi – detto Suṣumṇā. L’Ariṣṭa - che può essere sia di Sole sia di Luna – coincide con il deterioramento di uno dei due canali laterali, Iḍā e Piṅgalā, ed ha come effetto lo squilibrio della circolazione del flusso vitale Nei testi [1] si parla di “ spirazioni impetuose ”, che, ripetute per un certo numero di giorni, port

IL SIGNIFICATO NASCOSTO DEI MANTRA - OM NAMAḤ ŚIVĀYA

Alzi la mano chi non ha mai recitato un mantra indiano o tibetano senza avere la minima idea di cosa significasse. C'è addirittura una scuola di pensiero che invita ad abbandonarsi al suono, alla vibrazione e ad ascoltare con il cuore. Il personale sentire viene considerato un metro di giudizio assai più affidabile della razionalità, e l'atteggiamento più comune, nell'approccio alla "Scienza dei mantra è il " Che mi frega di sapere cosa vuol dire? L'importante è che mi risuoni! ". Devo dire che ci sta. Tutto nell'universo è vibrazione e ovviamente quel che conta è il risultato. Se uno recita 108 volte Om Namaha Shivaya senza sapere che vuol dire e poi si sente in pace con il mondo, va bene così. Anzi va MOLTO bene! Ma bisogna considerare che nei testi "tecnici" dello yoga, non numerosissimi, si parla di una serie di valenze simboliche, modalità di  pronuncia e possibilità di "utilizzo" che, secondo me, la maggi

MEDITAZIONE: OCCHI APERTI O CHIUSI?

  Voi come meditate? Con gli occhi aperti o con gli occhi chiusi? Non è una domanda oziosa...  Esistono tre diverse modalità di meditare: - con gli occhi chiusi; - con gli occhi socchiusi; - con gli occhi aperti. Così come  esistono tre diverse modalità di recitare i mantra: - recitati o cantati; - bofonchiati; - silenziosi. Queste diverse modalità corrispondono a tre diversi livelli di profondità o pratica: 1. Livello basso (occhi chiusi e mantra recitato o cantato); 2. Livello medio (occhi socchiusi e mantra bofonchiato); 3. Livello avanzato (occhi aperti e mantra silenzioso). Questo almeno è ciò che mi hanno insegnato, ma qualche anno fa ho scoperto, con sorpresa devo dire, che in molte scuole di Yoga si insegna a meditare esclusivamente con gli occhi chiusi. Fermo restando che ognuno debba praticare come meglio gli aggrada, esistono, nello yoga come in ogni altra attività umana, dei "fondamentali", delle istruzioni di base che vengono impartite al primo incontro o alla pr