Passa ai contenuti principali

LA DANZA DELLE DAKINI


OM JŅANA DAKINI BAM HA RI NI SA SIDDHI HUM
dakini

Se guardiamo con attenzione delle statue o dei dipinti di divinità indiane e tibetane noteremo che si assomigliano tutte, stesse facce, stessi simboli, stesse posizioni.
Le possibilità sono due: 
1)gli orientali non hanno molta fantasia.
2)Simboli e posizioni vogliono dire qualcosa.

Ad occhio preferisco la seconda ipotesi.
La statua o il dipinto, quando si parla di yoga, sono sia oggetti sacri (e/o alchemici, come nel caso dei tangka) dei manuali di istruzione.
In altre parole ci invitano ad una pratica che non è solo contemplativa ma è anche fisica. 
Osserviamo alcune immagini di Dakini (Le danzatrici del Cielo dello Yoga tibetano): 

red dakini

dakini

dakini

red yogini


A prescindere dal nome e dalle qualità hanno tutte le medesima posizione con la gamba sinistra piegata e la destra distesa.
Questo Asana è detto ālīḍhāsana, dove आलीढālīḍha significa sia "LECCATO, LAMBITO CON LA LINGUA", sia "POSIZIONE DI TIRO CON L'ARCO O CON LA LANCIA". 
Il legame tra l'atto del LECCARE (legato ai piaceri della gola e del sesso) e quello del tirare una freccia è abbastanza difficile da comprendere. 
A meno che non ci si ricordi dell'iconografia di Kālī, la Dea Nera:
ālīḍhāsana è uno dei passi della sua danza selvaggia 

kali 
e la sua lingua, golosa di sangue, è sempre pronta ad uscire dalle labbra 
Ora se esistono migliaia di rappresentazioni di dei e dee nella stessa posizione qualcosa vorrà pur dire. 

Oltre a Kali:

ramakrishna
Troviamo nella stessa posizione Tara
tara

Chinnamasta
chinnamasta


Anche nella variante "in torsione":
chittamasta


Virabhadra
virabhadra 

La posizione detta ālīḍhāsana che implica insieme l'atto del leccare e quello del lanciare, se è vero che il tantra è un sistema molto pratico e diretto per ottenere delle modificazioni psicofisiche, ha delle valenze operative.

Prendiamo l'immagine della Vajra Yoghini tibetana: 

red dakini
Qui il peso è sulla gamba sinistra, la mano sinistra è sollevata e rogge una coppa dalla quale si APPRESTA a bere 

red dakini
la mano destra regge un coltello sacrificale, il Kartika

kartika

E l'immagine comincia a svelare il suo significato: il kartika è uno strumento usato un tempo, pare, per separare il grano dal loglio.
Nella cerimonia tantrica detta Chöd, portata in Tibet da Padmasambhava, serve a separare la visione soggettiva del mondo, creata dai semi della memoria, i grumi delle esperienze passate e delle credenze nostre e della società in cui viviamo dal FLUSSO ININTERROTTO DELLA VITA, detto ālaya(dimora) in sanscrito, e Kun Ji Namparshespa in tibetano.
La danza delle Dakini è la DANZA DELL'ESSERE..
Il fluire ininterrotto che Patanjali chiama NIRODHA.

ED E'UNA DANZA VERA!
Se prendiamo le posizioni in cui sono rappresentate le Dakini vedremo che disegnano una precisa sequenza coreografica:

tangka

white dakini

dakini

dakini

dakini




red yogini
red yogini

red yogini

red yogini

red yogini

red yogini

vajrayogini

Qualcuno potrebbe pensare che le ultime immagine della "danza della creazione" potrebbero essere eccessive, delle esagerazioni, ma Dakini significa danzatrici del cielo e in fondo non si tratta di movenze troppo distanti da quelle delle danzatrici e delle ginnaste odierne:

danza

ritmica
Si tratta di una coreografia vera e propria nella quale ogni passo (Asana) agisce sulla psiche come simbolo e sul corpo a livello endocrino e nell'insieme rappresenta (é) la danza creazione e nell'altro la danza della "reintegrazione" nel flusso dell'Essere

Commenti

Post popolari in questo blog

IL SIGNIFICATO NASCOSTO DEI MANTRA - OM NAMAḤ ŚIVĀYA

Alzi la mano chi non ha mai recitato un mantra indiano o tibetano senza avere la minima idea di cosa significasse. C'è addirittura una scuola di pensiero che invita ad abbandonarsi al suono, alla vibrazione e ad ascoltare con il cuore. Il personale sentire viene considerato un metro di giudizio assai più affidabile della razionalità, e l'atteggiamento più comune, nell'approccio alla "Scienza dei mantra è il " Che mi frega di sapere cosa vuol dire? L'importante è che mi risuoni! ". Devo dire che ci sta. Tutto nell'universo è vibrazione e ovviamente quel che conta è il risultato. Se uno recita 108 volte Om Namaha Shivaya senza sapere che vuol dire e poi si sente in pace con il mondo, va bene così. Anzi va MOLTO bene! Ma bisogna considerare che nei testi "tecnici" dello yoga, non numerosissimi, si parla di una serie di valenze simboliche, modalità di  pronuncia e possibilità di "utilizzo" che, secondo me, la maggi

IL FIGLIO DI YOGANANDA E L'INDIGESTIONE DI BUDDHA

YOGANANDA Quando nel 1996, pochi giorni prima del suo centesimo compleanno Lorna Erskine, si abbandonò al sonno della morte, Ben, il figlio, decise di rivelare al mondo il suo segreto i: Yogananda, il casto e puro guru, era suo padre. Ne uscì fuori una terribile, e molto poco yogica, battaglia legale a colpi di foto, rivelazioni pruriginose ed esami del DNA tra la Self Realization Fellowship,la potente associazione fondata dal maestro, e gli eredi di Lorna (che chiedevano un sacco di soldi...). Ad un certo punto vennero fuori altri tre o quattro figli di discepole americane, tutti bisogna dire assai somiglianti al Guru, . E venne fuori una storia, confermata da alcuni fuoriusciti dalla Self Realization Fellowship (e quindi... interessati) riguardante un gruppo di "sorelle dell'amore" giovani discepole che avrebbero diviso con Yogananda il terzo piano del primo centro californiano della S:R:F. Certo, per tornare a Lorna, che se una donna americana bianca e b

IL TIZZONE ARDENTE

Mandukyakarika, alatasànti prakarana  45-50, 82 ; traduzione di  Raphael : "E' la coscienza - senza nascita, senza moto e non grossolana e allo stesso modo tranquilla e non duale - che sembra muoversi ed avere qualità Così la mente/coscienza è non nata e le anime sono altre-sì senza nascita. Coloro i quali conoscono ciò non cadono nell'errore/sofferenza. Come il movimento di un tizzone ardente sembra avere una linea dritta o curva così il movimento della coscienza appare essere il conoscitore e il conosciuto. Come il tizzone ardente quando non è in moto diviene libero dalle apparenze e dalla nascita, cosi la coscienza quando non è in movimento rimane libera dalle apparenze e dalla nascita. Quando il tizzone ardente è in moto , le apparenze non gli provengono da nessuna parte. Né esse vanno in altro luogo quando il tizzone ardente è fermo, né ad esso ritornano. Le apparenze non provengono dal tizzone ardente a causa della loro mancanza di sostanzialità. Anche nei confronti