Passa ai contenuti principali

SAN MICHELE E SHIVA

Ieri mia sorella mi ha caricato in macchina e mi ha portato in Val di Susa, alla sagra San Michele, davanti al Monte Musiné.


E' strana l'abbazia.
E' costruita con rocce marine (C'era l'Oceano, un tempo) ed è piena di simboli  dei Cavalieri Templari, nonostante, ufficialmente, non ci abbiano mai messo piede.


La leggenda vuole che sia stata costruita per tenere a bada un Drago enorme nascosto alle pendici del Musiné, un monticello alto poco più di mille metri,
 Se ne dicono tante sul Musinè: per qualcuno è un luogo infestato dai demoni, per altri una base di alieni, per altri ancora un luogo sacro dal quale attingere l'energia della Dea madre.




Tra le mille storie che si raccontano, quella più intrigante per new ager e cacciatori di misteri, è quella della Linea del Drago, o Linea di San Michele o  Ley Line o Linea di Luce, un canale energetico che  unirebbe l'Irlanda al Monte Carmelo ( Gerusalemme), passando per una serie di luoghi sacri tutti dedicati all'Arcangelo Michele.
 Come Skelling Sain Michael in Irlanda, Saint Michael's Mountain in Cornovaglia, Mont San Michel in Normandia, Monte Sant'Angelo in Puglia e, appunto la Sagra San Michele in Val di Susa.



I luoghi della Linea del Drago sono tutti bellissimi, e, in qualche modo si somigliano.
Il monte Carmelo ad esempio, sembra il  cugino del Musiné.




Mentre  Saint Michael Mount  e Mont Sant Michel  sono decisamente fratelli:

Mont san Michel -Normandia





Saint Michael Mount - Cornovaglia


Su internet si trovano migliaia di articoli sulla Linea di san Michele e migliaia di mappe, tutte eguali, prendiamone una a caso: il punto di partenza è l'Irlanda, confine nord occidentale del mondo cristiano, anzi del mondo conosciuto nel medioevo, e il punto d'arrivo, ovviamente è Gerusalemme.
Dove altro può arrivare, per un cristiano la "Linea di Luce"?



Già, dove altro potrebbe arrivare?
Farsi le domande  sciocche che gli altri non osano formulare credo sia un buon metodo per aprire la mente.
Abbiamo prolungato verso Sud Est la linea di San Michele e ci siamo ritrovati, guarda caso,



ad incrociare un luogo sacro: Arunachala, la montagna di Shiva, nel Sud dell'India.
Certo, in India ci sono più luoghi sacri che scimmie, difficile non incrociarne uno, ma la forma di Arunachala mi ha sorpreso:

è praticamente identico al Musinè!



A questo punto mi è venuto in mente un'idea folle: e se San Michele fosse la versione biblica di Shiva?

San Michele


Shiva
E se entrambi fossero qualcosa di diverso da ciò che si crede? Qualcosa legato, ad esempio alla costellazione di Orione, il Cacciatore, chiamato in India "Shiva Nataraja"?




  Ma non è finita qua. Continuando a viaggiare verso Sud Est sulla Linea del Drago, arriviamo a Giava, in Indonesia



Precisamente, a Borobudur il tempio  dei 504 Buddha.



Strano vero? 
Shiva, Orione, San Michele, Buddha Shakyamuni, tutti uniti dalla Linea del Drago.
Sembra quasi che Cristiani, Hindu e Buddisti si siano messi d'accordo per mostrarci qualcosa, ma probabilmente si tratta solo di coincidenze.
Coincidenze bizzarre.



Commenti

Post popolari in questo blog

L'UTILIZZAZIONE DELL'ORGASMO NELLO HAṬHAYOGA

  Qual è lo scopo principale dello Haṭhayoga ? Ingannare la malattia, la vecchiaia e la morte. La malattia, la vecchiaia e infine la morte - e quindi, per chi crede nella reincarnazione, la “trasmigrazione dell’anima – secondo lo Yoga medioevale, avvengono a causa dell’ Ariṣṭa , termine con cui si indica una particolare configurazione astrale che dipende dal giorno di nascita. Durante la vita dell’essere umano, la circolazione delle energie avviene quasi esclusivamente nel “canale di sinistra” - o “canale della Luna” - detto Iḍā e nel canale di destra – o “canale del Sole” - detto Piṅgalā e, di rado, nel canale centrale – o canale dell’Eclissi – detto Suṣumṇā. L’Ariṣṭa - che può essere sia di Sole sia di Luna – coincide con il deterioramento di uno dei due canali laterali, Iḍā e Piṅgalā, ed ha come effetto lo squilibrio della circolazione del flusso vitale Nei testi [1] si parla di “ spirazioni impetuose ”, che, ripetute per un certo numero di giorni, port

IL SIGNIFICATO NASCOSTO DEI MANTRA - OM NAMAḤ ŚIVĀYA

Alzi la mano chi non ha mai recitato un mantra indiano o tibetano senza avere la minima idea di cosa significasse. C'è addirittura una scuola di pensiero che invita ad abbandonarsi al suono, alla vibrazione e ad ascoltare con il cuore. Il personale sentire viene considerato un metro di giudizio assai più affidabile della razionalità, e l'atteggiamento più comune, nell'approccio alla "Scienza dei mantra è il " Che mi frega di sapere cosa vuol dire? L'importante è che mi risuoni! ". Devo dire che ci sta. Tutto nell'universo è vibrazione e ovviamente quel che conta è il risultato. Se uno recita 108 volte Om Namaha Shivaya senza sapere che vuol dire e poi si sente in pace con il mondo, va bene così. Anzi va MOLTO bene! Ma bisogna considerare che nei testi "tecnici" dello yoga, non numerosissimi, si parla di una serie di valenze simboliche, modalità di  pronuncia e possibilità di "utilizzo" che, secondo me, la maggi

MEDITAZIONE: OCCHI APERTI O CHIUSI?

  Voi come meditate? Con gli occhi aperti o con gli occhi chiusi? Non è una domanda oziosa...  Esistono tre diverse modalità di meditare: - con gli occhi chiusi; - con gli occhi socchiusi; - con gli occhi aperti. Così come  esistono tre diverse modalità di recitare i mantra: - recitati o cantati; - bofonchiati; - silenziosi. Queste diverse modalità corrispondono a tre diversi livelli di profondità o pratica: 1. Livello basso (occhi chiusi e mantra recitato o cantato); 2. Livello medio (occhi socchiusi e mantra bofonchiato); 3. Livello avanzato (occhi aperti e mantra silenzioso). Questo almeno è ciò che mi hanno insegnato, ma qualche anno fa ho scoperto, con sorpresa devo dire, che in molte scuole di Yoga si insegna a meditare esclusivamente con gli occhi chiusi. Fermo restando che ognuno debba praticare come meglio gli aggrada, esistono, nello yoga come in ogni altra attività umana, dei "fondamentali", delle istruzioni di base che vengono impartite al primo incontro o alla pr