Passa ai contenuti principali

UN NATALE DIVERSO


“Per questo vi ammalate e morite, perché voi amate ciò che è ingannevole, ciò che vi ingannerà. Chi può comprendere, comprenda”.
Vangelo di Maria Maddalena – II sec.







Un Natale diverso, quest’anno.
Sono andato a trovare R. Ci sentiamo poco, ma  siamo amici da sempre..
Stessa scuola, stessa università stessa passione per il Teatro e la Danza.
Suo padre si sta spegnendo, piano piano.
Ho accompagnato R.  in ospedale.
Se fosse un film  sarebbe una scena di groppi in gola, preghiere e “parole pesanti come macigni”.
Ma non è un film e le parole pesano come macigni solo nei luoghi comuni.
Il vecchio è disteso sul letto. Non cammina, non mangia, respira a fatica.
Chiede un pezzo di formaggio con gli occhi che gli ridono.
Lo sa benissimo che non riuscirebbe a masticarlo.
R. lo solleva, gli sistema  un po’ i capelli, e gli mette in mano una forchetta bianca di stracchino e lui, il vecchio, si mette in posa, con la bocca aperta .
Pazzesco! Vuole  una foto per la moglie.
La madre di R. , invalida, sta a casa con la badante e il vecchio vuole tranquillizzarla, vuole che lei lo creda affamato e in via di guarigione.
Fanno due o tre scatti, poi il vecchio, stravolto per lo sforzo, si accascia, rantolando, sul cuscino giallastro.
Facciamo silenzio.
Nemmeno il silenzio è pesante.
La vita vera e i luoghi comuni vivono in mondi diversi.
Dopo qualche minuto il vecchio si rianima. Alza lentamente le mani  e le unisce in un gesto  di devozione.
O così sembra. Poi la mano sinistra si alza  di colpo e sbatte due o tre volte sul polso destro.
Ci sta cacciando.
 Forse vuole riposare, di certo vuole che R. vada dalla madre.
Ci avviamo a piedi verso la casa dei “vecchietti”, come R, chiama i suoi genitori.
Mi dice del lavoro che non c’è, del suo desiderio, “insano”, di fare un figlio.
Si… ha conosciuto una, parecchio più giovane, ma  è ancora innamorato della sua ex. 
Ride.
-“Lo sai  Pa’  no?.. che sono monogamo”-
Comincio ad essere preoccupato per la sua salute psichica: ma come?  Suo padre si sta spegnendo e lui ride e parla di donne?
Forse è così disperato da non rendersene conto, ma a guardarlo è difficile da credersi.
Sono confuso.
La morte, tra le esperienze umane, è la  più seria e spaventosa.
Cerchiamo sempre di evitarla, di volgere altrove lo sguardo per timore di venir risucchiati dall'angoscia
Trovo quasi sacrileghi il volto sorridente di R. e il suo scherzare con il padre.
O no?
E se fosse invece  quello il rapporto giusto naturale con la grande mietitrice?
Si dice sempre, nello yoga, che la morte fa parte della vita, che la morte non esiste, che la morte non è altro che una variante del sonno.
E poi quando tocca a qualcuno dei nostri cari mandiamo la filosofia in ferie e ci crogioliamo nel dolore.
Siamo arrivati a casa dei vecchietti.
R. mi abbraccia.

-“Buon Natale Pà!”-
-"Buon Natale"-





Commenti

  1. Che bellissima storia!
    Forse non la morte atterrisce, ma le infermità che spesso la annunciano e così anche il bilancio ed il succo della vita esperita fino a quel momento. Forse.

    RispondiElimina
  2. Paolo ma che capellone che eri!
    Io piano piano le foto del passato le butto...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

L'UTILIZZAZIONE DELL'ORGASMO NELLO HAṬHAYOGA

  Qual è lo scopo principale dello Haṭhayoga ? Ingannare la malattia, la vecchiaia e la morte. La malattia, la vecchiaia e infine la morte - e quindi, per chi crede nella reincarnazione, la “trasmigrazione dell’anima – secondo lo Yoga medioevale, avvengono a causa dell’ Ariṣṭa , termine con cui si indica una particolare configurazione astrale che dipende dal giorno di nascita. Durante la vita dell’essere umano, la circolazione delle energie avviene quasi esclusivamente nel “canale di sinistra” - o “canale della Luna” - detto Iḍā e nel canale di destra – o “canale del Sole” - detto Piṅgalā e, di rado, nel canale centrale – o canale dell’Eclissi – detto Suṣumṇā. L’Ariṣṭa - che può essere sia di Sole sia di Luna – coincide con il deterioramento di uno dei due canali laterali, Iḍā e Piṅgalā, ed ha come effetto lo squilibrio della circolazione del flusso vitale Nei testi [1] si parla di “ spirazioni impetuose ”, che, ripetute per un certo numero di giorni, port

IL SIGNIFICATO NASCOSTO DEI MANTRA - OM NAMAḤ ŚIVĀYA

Alzi la mano chi non ha mai recitato un mantra indiano o tibetano senza avere la minima idea di cosa significasse. C'è addirittura una scuola di pensiero che invita ad abbandonarsi al suono, alla vibrazione e ad ascoltare con il cuore. Il personale sentire viene considerato un metro di giudizio assai più affidabile della razionalità, e l'atteggiamento più comune, nell'approccio alla "Scienza dei mantra è il " Che mi frega di sapere cosa vuol dire? L'importante è che mi risuoni! ". Devo dire che ci sta. Tutto nell'universo è vibrazione e ovviamente quel che conta è il risultato. Se uno recita 108 volte Om Namaha Shivaya senza sapere che vuol dire e poi si sente in pace con il mondo, va bene così. Anzi va MOLTO bene! Ma bisogna considerare che nei testi "tecnici" dello yoga, non numerosissimi, si parla di una serie di valenze simboliche, modalità di  pronuncia e possibilità di "utilizzo" che, secondo me, la maggi

MEDITAZIONE: OCCHI APERTI O CHIUSI?

  Voi come meditate? Con gli occhi aperti o con gli occhi chiusi? Non è una domanda oziosa...  Esistono tre diverse modalità di meditare: - con gli occhi chiusi; - con gli occhi socchiusi; - con gli occhi aperti. Così come  esistono tre diverse modalità di recitare i mantra: - recitati o cantati; - bofonchiati; - silenziosi. Queste diverse modalità corrispondono a tre diversi livelli di profondità o pratica: 1. Livello basso (occhi chiusi e mantra recitato o cantato); 2. Livello medio (occhi socchiusi e mantra bofonchiato); 3. Livello avanzato (occhi aperti e mantra silenzioso). Questo almeno è ciò che mi hanno insegnato, ma qualche anno fa ho scoperto, con sorpresa devo dire, che in molte scuole di Yoga si insegna a meditare esclusivamente con gli occhi chiusi. Fermo restando che ognuno debba praticare come meglio gli aggrada, esistono, nello yoga come in ogni altra attività umana, dei "fondamentali", delle istruzioni di base che vengono impartite al primo incontro o alla pr