Passa ai contenuti principali

YESHE TSOGYAL E GURU RINPOCHE




Oggi, per il calendario tibetano è il giorno di Padmasambhava, Guru Rinpoche.
Fare japa (ripetere il mantra) con il suo mantra non è solo una maniera per onorarne il ricordo, ma anche un'opportunità per comprendere l'essenza degli insegnamenti del Buddha.
Io non faccio differenza tra Yoga e  Buddismo, sono solo nomi diversi che si danno alla Scienza dell'Essere Umano, l'Arte di Vivere.
L'Uomo dello Yoga non è il figlio prediletto di Dio, né la più nobile creatura dell'Universo.
L'Uomo è l'Universo e gli dei dimorano nel suo cuore.
Difficile comprendere gli insegnamenti di Buddha Shakyamuni se non si intravede l'Universo in noi.
Ci sono stelle e pianeti dentro di noi.
E oceani senza sponde e lo spazio infinito in cui tutto nasce e a cui tutto ritorna.
Buddha non si inventa niente, è tutto scritto nei Veda, ma l'uomo, con la u minuscola, chissà perché, ritiene più comodo credersi una zattera alla deriva nell'oceano dell'esistenza, 
Bisogna comprenderlo: un conto è attribuire le proprie meschinità, i dubbi, l'incapacità di vivere e accettare Amore e Morte, a qualche entità super naturale e sub naturale.
Un altro è dover ammettere di essere artefici del proprio destino.
Padmasambhava è un Essere Umano, come Yeshe, la sua Sposa.
Come Buddha e le ventuno Tara.
Hanno un corpo. Sono Corpo.
Anzi Corpo Parola e Mente.
Ed è proprio il riconoscimento della loro Umanità a porli al di sopra degli Dei.
"Sarebbe conveniente che gli Dei adorassero gli uomini" dice il vangelo di Filippo Apostolo.
Parole semplici e sconvolgenti.
I maestri lo ripetono da sempre, ma noi facciamo orecchie da mercante.
Ci fregiamo dell'etichetta umiliante dello schiavo o  di quella, folle del super uomo, tutto pur di non guardarci in faccia.
Shakyamuni, Padmasambhava, Yeshe Tsogyal sono Esseri Umani.
Ogni loro parola, gesto, pensiero significa : -"Hey tu! Guarda che io sono come te! Sono te!"-
E noi fingendo di capire, li trasformiamo in santini e, venerandoli, li poniamo al di là della Natura.
La parola Sovrannaturale è la dimostrazione più evidente della nostra idiozia: come può esistere qualcosa che sia al di fuori della natura?
I mantra di Yeshe e di Padmasmbhava, come tutti i mantra autentici, hanno varie funzioni: innanzitutto sono tecniche operative: ogni sillaba è una vibrazione che risuona in una specifica zona del corpo attivando la trasformazione di Corpo Parola e Mente.
In secondo luogo ci raccontano che l'universo é in noi ed è dal nostro cuore, dalle nostre emozioni che sorgono i mondi, gli astri e gli Dei.




OM AH HUM VAJRA GURU PADMA SIDDHI HUM è il mantra di Guru Rinpoche.
Le prime tre sillabe rappresentano la completezza dell'Essere Umano:
OM è la Mente.
AH la Parola (le Energie sottili)
HUM è il Corpo.
Le altre cinque disegnano il mandala dell'universo, con i cinque elementi, le cinque emozioni negative e le cinque famiglie mistiche.
VAJRA è l'Acqua, la famiglia mistica dell'Odio, la Terra Blu  dell'inizio dei tempi.
GURU è la Terra, la famiglia mistica dell'Orgoglio, la Terra Gialla.
PADMA è il Fuoco, la famiglia mistica della Brama, la Terra Rossa.
SIDDHI è il Vento, la famiglia mistica della Gelosia, la Terra Verde.
HUM è lo Spazio, la famiglia mistica dell'Ignoranza, la Terra Bianca.
Sono le nostre emozioni negative a dar forma al Mandala dell'Universo.
Bisogna conoscerle, e comprendere che in loro si celano le energie, infinitamente potenti, della Creazione..
L'acqua che ci disseta e dà vita è la stessa che distrugge  i nostri raccolti.
Il fuoco che ci riscalda nelle sere d'inverno è lo stesso che divora le nostre case.
La Natura, la Dea, è A-morale e A-logica, e dimora nel cuore dell'Uomo.





OM AH HUM VAJRA GURU JNANA SAGARA BAM HA RI NI SA SIDDHI HUM è  il mantra di Yeshe Tsogyal.
Basta confrontarlo con quello del suo sposo per comprendere che si tratta dello stesso mantra.
Manca solo la parola PADMA.
E questa è la parte tantrica dell'insegnamento.
Se il Mandala dell'Universo è nell'Essere umano, chiaro e visibile (a chi sa "vedere") la capacità di attivare il processo della creazione si nasconde, fisicamente,  nel corpo della Donna.
La vagina è il mandala segreto.
Padma vuol dire si Loto, ma nel tantra indica i genitali femminili.
Nel mantra di Yeshe viene sostituito con i suoni JNANA SAGARA BAM HA RI NI SA.
JNANA SAGARA  è il nome di Yeshe in sanscrito (Oceano di Conoscenza).
BAM è il bija mantra della creazione, il suono di Brahma e di Shiva Bhairava.
Ognuna delle quattro sillabe sequenti ha diversi significati, ma basti sapere che BAM HA RI NI SA nel loro insieme, indicano le Cinque Dakini, o danzatrici del Cielo, e attivano petali diversi dei sei Chakra "tradizionali", per rendere effettivo il potere della creazione nascosto nel corpo della Donna.










Commenti

Post popolari in questo blog

IL SIGNIFICATO NASCOSTO DEI MANTRA - OM NAMAḤ ŚIVĀYA

Alzi la mano chi non ha mai recitato un mantra indiano o tibetano senza avere la minima idea di cosa significasse. C'è addirittura una scuola di pensiero che invita ad abbandonarsi al suono, alla vibrazione e ad ascoltare con il cuore. Il personale sentire viene considerato un metro di giudizio assai più affidabile della razionalità, e l'atteggiamento più comune, nell'approccio alla "Scienza dei mantra è il " Che mi frega di sapere cosa vuol dire? L'importante è che mi risuoni! ". Devo dire che ci sta. Tutto nell'universo è vibrazione e ovviamente quel che conta è il risultato. Se uno recita 108 volte Om Namaha Shivaya senza sapere che vuol dire e poi si sente in pace con il mondo, va bene così. Anzi va MOLTO bene! Ma bisogna considerare che nei testi "tecnici" dello yoga, non numerosissimi, si parla di una serie di valenze simboliche, modalità di  pronuncia e possibilità di "utilizzo" che, secondo me, la maggi

IL FIGLIO DI YOGANANDA E L'INDIGESTIONE DI BUDDHA

YOGANANDA Quando nel 1996, pochi giorni prima del suo centesimo compleanno Lorna Erskine, si abbandonò al sonno della morte, Ben, il figlio, decise di rivelare al mondo il suo segreto i: Yogananda, il casto e puro guru, era suo padre. Ne uscì fuori una terribile, e molto poco yogica, battaglia legale a colpi di foto, rivelazioni pruriginose ed esami del DNA tra la Self Realization Fellowship,la potente associazione fondata dal maestro, e gli eredi di Lorna (che chiedevano un sacco di soldi...). Ad un certo punto vennero fuori altri tre o quattro figli di discepole americane, tutti bisogna dire assai somiglianti al Guru, . E venne fuori una storia, confermata da alcuni fuoriusciti dalla Self Realization Fellowship (e quindi... interessati) riguardante un gruppo di "sorelle dell'amore" giovani discepole che avrebbero diviso con Yogananda il terzo piano del primo centro californiano della S:R:F. Certo, per tornare a Lorna, che se una donna americana bianca e b

IL TIZZONE ARDENTE

Mandukyakarika, alatasànti prakarana  45-50, 82 ; traduzione di  Raphael : "E' la coscienza - senza nascita, senza moto e non grossolana e allo stesso modo tranquilla e non duale - che sembra muoversi ed avere qualità Così la mente/coscienza è non nata e le anime sono altre-sì senza nascita. Coloro i quali conoscono ciò non cadono nell'errore/sofferenza. Come il movimento di un tizzone ardente sembra avere una linea dritta o curva così il movimento della coscienza appare essere il conoscitore e il conosciuto. Come il tizzone ardente quando non è in moto diviene libero dalle apparenze e dalla nascita, cosi la coscienza quando non è in movimento rimane libera dalle apparenze e dalla nascita. Quando il tizzone ardente è in moto , le apparenze non gli provengono da nessuna parte. Né esse vanno in altro luogo quando il tizzone ardente è fermo, né ad esso ritornano. Le apparenze non provengono dal tizzone ardente a causa della loro mancanza di sostanzialità. Anche nei confronti