Passa ai contenuti principali

IL VENTO DEL DESIDERIO




Secondo lo Yoga i "GRANTHI", o "NODI DELLA CONOSCENZA", sono i punti di incontro dei principali canali energetici (NADI).

Lo scioglimento o risoluzione di ognuno di questi nodi conduce ad una diversa consapevolezza del corpo e della realtà esterna.

Per consapevolezza si intende l'identificazione dello yogin in una delle "GUAINE" (Kosha) che compongono il corpo umano.

La risoluzione del primo nodo, Brahma Granthi (identificato con il glande/clitoride e riferito alla zona che va dal perineo all'ombelico) fa accedere alla consapevolezza della guaina delle energie o PRANOMAYAKOSHA

La risoluzione del secondo nodo, o Visnù Granthi (identificato con il centro del petto e riferito alla zona che interessa Cuore, Polmoni, Timo) fa accedere alla consapevolezza della guaina della mente o MANOMAYAKOSHA.

La risoluzione del terzo nodo Rudra Granthi (identificato con il punto tra le sopracciglia e riferito alla zona del tronco encefalico) fa accedere alla consapevolezza della guaina della conoscenza o BUDDHIMAYAKOSHA ed è un ponte verso la consapevolezza della guaina della beatitudine(ANANDAMAYAKOSHA)



Può essere utile a questo punto parlare   dei cinque vayu, o venti vitali.

Udhàna color del fuoco, ha sede nel VI cakra ed ha una direzione ascendente.
In qualche modo va reindirizzato, in modo, diciamo così anche se non è proprio esatto, da utilizzarlo coscientemente.
Questa azione di reindirizzamento che porta prima alla armonizzazione di tutte le energie corporee e quindi alla apertura del Cakra della Corona, può essere definita anche"apertura dell'occhio spirituale", o terzo occhio, o occhio di Shiva.

Pràna
color blu zaffiro ha sede nel V° cakra (elemento sottile Etere) e si espande verso cuore e polmoni.

Vyàna color argento, ha sede nel IV° cakra, il cakra del cuore, è onnipervadente ed è
il vento dell'energia originaria, definizione assimilabile a quella taoista di "QI PRENATALE"

Samàna è bianco latte ha sede nel III° cakra erappresenta l'assorbimento e l'utilizzazione delle sostanze nutritive.

Apàna è bruno ed ha sede nel II° cakra ma espande la sua azione espulsiva discendente verso il bacino e le gambe.

Nel Muladhara Cakra Apàna in un certo senso si colora , acquista qualità.
Muladhara Cakra è rappresentato come un fiore con quattro petali rosso scuro (color feci) su cui sono riportate quattro lettere dell'alfabeto sanscrito:

व va
श śa
ष ṣa
स sa



Sul pericarpo, il centro del fiore, è invece inscritto il Bija Mantra (Suono Seme)LAM, la vibrazione originaria dell'elemento TERRA.




Le lettere व va, श śa, ष ṣa, स sa, il Bija Mantra LAM e i diversi colori (il rosso dei petali, il giallo del quadrato centrale....) stanno ad indicare LE DIVERSE FREQUENZE VIBRATORIE DI APANA VAYU.

Questo delle frequenze vibratorie è un fondamentale dello Yoga: lo Hatha Yoga si può infatti intendere come TECNICA PER PERCEPIRE, INDIRIZZARE E ACCELERARE LE VIBRAZIONI.

Nella rappresentazione completa del Muladhara Cakra ci sono altri simboli: come le quattro teste di Brahma, la Dea armata di tridente, Ganesha (Il dio dell'Inizio) un elefante che sostiene il tutto... ma per non confonderci le idee è meglio concentrarci sul significato di lettere e colori legato alle frequenze delle vibrazioni (diciamo tonalità).




Una delle frequenze o tonalità di Apàna Vayu è il "rosso"KANDARPA VAYU, il vento di KAMA, il desiderio creativo.




HLIM KLIM KANDARPA SVAHA  - 
OM KLIM KAMAYA NAMAH

E' grazie a kandarpa vayu che si attuano il risveglio di kundalini e lo scioglimento del "Nodo di Brahma",

L'inizio della risalita di kundalini è visualizzato con l'assorbimento di tutti i simboli del mùlàdhara cakra nel Bija mantra LAM, che a sua volta si scioglie nel corpo della Dea, e con la chiusura dei quattro petali del Muladhara che si dirigono verso il basso.
Questo riunire in un suono tutti i valori simbolici significa unificazione in un unico ritmo-vibrazione di tutte le energie "inferiori".

E' a questo punto che comincia il viaggio della"serpentessa" come viene chiamata Kundalini

Non si creda che si tratti di una metafora.


Kundalini "rotonda" (quando si attiva KANDARPA VAYU si avverte un energia circolare nel perineo che si muove in senso antiorario) è il fuoco stessointeso come energia spirituale.
L'accensione ed il reindirizzamento del "vento di Kama" . legato al Bija Mantra KLIM, si avverte come una specie di vibrazione/scarica elettrica/campo magnetico che mette in movimento Kundali Shakti che viene percepita come una "striscia di energia larga" un palmo che sembra sollevare i lati della colonna vertebrale.





LO HATHA YOGA INIZIA QUANDO SI ATTIVA IL VENTO DEL DESIDERIO.

SENZA DESIDERIO NON C'E' HATHA YOGA



Commenti

Post popolari in questo blog

IL SIGNIFICATO NASCOSTO DEI MANTRA - OM NAMAḤ ŚIVĀYA

Alzi la mano chi non ha mai recitato un mantra indiano o tibetano senza avere la minima idea di cosa significasse. C'è addirittura una scuola di pensiero che invita ad abbandonarsi al suono, alla vibrazione e ad ascoltare con il cuore. Il personale sentire viene considerato un metro di giudizio assai più affidabile della razionalità, e l'atteggiamento più comune, nell'approccio alla "Scienza dei mantra è il " Che mi frega di sapere cosa vuol dire? L'importante è che mi risuoni! ". Devo dire che ci sta. Tutto nell'universo è vibrazione e ovviamente quel che conta è il risultato. Se uno recita 108 volte Om Namaha Shivaya senza sapere che vuol dire e poi si sente in pace con il mondo, va bene così. Anzi va MOLTO bene! Ma bisogna considerare che nei testi "tecnici" dello yoga, non numerosissimi, si parla di una serie di valenze simboliche, modalità di  pronuncia e possibilità di "utilizzo" che, secondo me, la maggi

IL FIGLIO DI YOGANANDA E L'INDIGESTIONE DI BUDDHA

YOGANANDA Quando nel 1996, pochi giorni prima del suo centesimo compleanno Lorna Erskine, si abbandonò al sonno della morte, Ben, il figlio, decise di rivelare al mondo il suo segreto i: Yogananda, il casto e puro guru, era suo padre. Ne uscì fuori una terribile, e molto poco yogica, battaglia legale a colpi di foto, rivelazioni pruriginose ed esami del DNA tra la Self Realization Fellowship,la potente associazione fondata dal maestro, e gli eredi di Lorna (che chiedevano un sacco di soldi...). Ad un certo punto vennero fuori altri tre o quattro figli di discepole americane, tutti bisogna dire assai somiglianti al Guru, . E venne fuori una storia, confermata da alcuni fuoriusciti dalla Self Realization Fellowship (e quindi... interessati) riguardante un gruppo di "sorelle dell'amore" giovani discepole che avrebbero diviso con Yogananda il terzo piano del primo centro californiano della S:R:F. Certo, per tornare a Lorna, che se una donna americana bianca e b

I CAKRA DEI NATH

    Nonostante in molti testi si parli esclusivamente di sei cakra + il cakra dei mille petali,   in genere nella tradizione Nath se ne enumerano nove: 1.      Brahmā Cakra  - corrispondente al  Mūlādhāra Cakra ; 2.      Svādhiṣṭāna Cakra  " – “centro di supporto del sé", “la sua propria dimora”; 3.      Nābhi Cakra "centro dell'ombelico"; 4.      Hṝdayādhāra "centro del cuore"; 5.      Kaṇṭha Cakra "centro della gola"; 6.      Tālu Cakra "Centro del palato"; 7.      Bhrū Cakra – “Centro tra le sopracciglia" non sempre identificabile con ajñā cakra , posto spesso al centro della fronte. 8.      Nirvāṇa Cakra che alcuni fanno corrispondere al brahmārandhra e altri ad ajñā cakra 9.      Ākāṣa Cakra "centro dello spazio", posto al sincipite per alcuni, sopra la testa secondo altri.   Un altro sistema di cakra presente nello Yoga dei Nāth è quello dei cinque maṇ