Passa ai contenuti principali

STORIA DI UNA RELIGIONE INVENTATA


“Per duemila anni la Chiesa ha riversato oppressione e atrocità sul genere umano, ha distrutto sia passioni che idee, tutto in nome del loro Dio incarnato, la prova della mortalità di Gesù può porre fine a tutte queste sofferenze e costringere finalmente la Chiesa in ginocchio. L'erede vivente deve essere svelato, Gesù deve essere mostrato per quello che era, non miracoloso, un semplice... Uomo! L'oscuro inganno sarà svelato! L'umanità può finalmente essere liberata!”
(Leigh Teabing – Il Codice Da Vinci)






Tra pochi giorni uscirà "VESTITA DI SOLE" il mio ultimo libro ( il settimo, dopo "TANTRA LA VIA DEL SESSO" , "LA LINGUA PERDUTA DEI VEGGENTI" , "ESTASI E CONOSCENZA" che ho scritto insieme a Laura Nalin,,.),, "IL SENTIERO DELL'ILLUSIONE",, "LA DIMORA DELL'ACQUA",  "IL SEGRETO DELLA SPADA".

"VESTITA DI SOLE" nasce da una domanda semplice semplice: chi era Maddalena?
Ho esaminato i documenti su cui si è basato Don Brown per "Il Codice da Vinci", il Materiale sul mistero di Rennes-le-Château, le Storie del Graal di Chrétien de Troyes  le pubblicazioni della Chiesa cattolica di Armenia e della comunità ebraica  francese. le ho confrontate con i vangeli (quelli tradizionali, secondo la CEI) e soprattutto le opere dei maestri della pittura italiana (a partire da Leonardo, ovviamente).

L'immagine di Maddalena che emerge dalle mie ricerche è affascinante assai, ma più affascinante ancora è l'idea che mi sono fatto del "Grande Inganno", il complotto che secondo il Codice da Vinci sarebbe stato ordito da duemila anni per nascondere l'umanità di Gesù e la sua storia carnale con Maddalena.

Credo che si tratti di un "doppio inganno", degno dei romanzi di John le Carré, una storia in cui non si sa bene chi sia in buona fede, dove buoni e cattivi si invertono i ruoli di continuo.

Ho fatto delle scoperte, durante le ricerche.
Alcune divertenti. 
Ricordate,ad esempio,  la storia del Giovanni dell'Ultima Cena che sarebbe Maddalena mascherata?
Una balla cosmica!, il Giovanni rappresentato da Leonardo è proprio Giovanni, dipinto sempre come un giovane efebico..

San Giovanni Evangelista -Piero di Cosimo


Leonardo usò lo stesso modello  del Giovanni Battista conservato al Louvre, Gian Giacomo Caprotti, detto “il Salai", suo amante per decenni.



Leonardo, ritratto del Salai


Il Salai fu anche il modello per Monnalisa, tanto che esiste una versione "scherzosa" della Gioconda, dipinta a quattro mani da Leonardo e dal suo pupillo, dove il Salai è raffigurato con un seno prosperoso:



Insomma non esiste nessun "Codice da Vinci", e lo sa chiunque abbia studiato un po' di Storia dell'Arte.
Ma è proprio questo uno dei punti più stravaganti: perché il libro di Don Brown  e il film che ne è stato tratto, hanno suscitato tanto scalpore? E perché i moltissimi che "sanno", hanno taciuto, lasciando intendere che la tesi del romanzo di Don Brown  fosse in qualche modo attendibile?

Particolare dell'Ultima Cena - Leonardo da Vinci


Mi sono fatto un po' di domande e credo di aver trovato delle risposte plausibili.
La storia del Graal e tutte le tesi dei complottisti sono insieme una cortina fumogena, e una serie di segnali indicatori.
Una gigantesca balla con alcuni, pochi, elementi di verità, costruita per nascondere una verità  ben conosciuta da papi e artisti del medioevo e del rinascimento, ma tenuta nascosta per evitare che si mettessero a repentaglio le radici stesse della nostra civiltà..

Maddalena è un personaggio meraviglioso, più grande di quanto ci hanno fatto credere fino ad ora.

La ricerca delle sue tracce e di quello che alcuni chiamano il Graal (i supposti discendenti di Cristo) ha fatto nascere una serie di credenze  che  alla luce dei documenti storici sono delle colossali idiozie.
In realtà per conoscere la verità basterebbe aprire gli occhi, andare per esempio a San Pietro ed osservare con attenzione le statue degli apostoli che, minacciosi, torreggiano sulla basilica.
O leggere le scritte in latino incise sull'obelisco al centro della piazza.

Basterebbe  leggere con attenzione i quattro vangeli sinottici.o osservare con attenzioni le immagini mariane che ci sorridono dalle pareti delle chiese dei paesini di montagna.


Quello di Maddalena e del suo presunto matrimonio con Gesù è un segreto di Pulcinella.
facile da svelare.

Troppo facile.

La realtà è sempre diversa da ciò che ci si aspetta....



Ringrazio Francesca Pagano, per il suo preziosissimo aiuto nella ricerche delle fonti iconografiche.

E ringrazio, naturalmente Laura, la mia yogini,, continua fonte di ispirazione, e modella per la foto di copertina.




Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

IL SIGNIFICATO NASCOSTO DEI MANTRA - OM NAMAḤ ŚIVĀYA

Alzi la mano chi non ha mai recitato un mantra indiano o tibetano senza avere la minima idea di cosa significasse. C'è addirittura una scuola di pensiero che invita ad abbandonarsi al suono, alla vibrazione e ad ascoltare con il cuore. Il personale sentire viene considerato un metro di giudizio assai più affidabile della razionalità, e l'atteggiamento più comune, nell'approccio alla "Scienza dei mantra è il " Che mi frega di sapere cosa vuol dire? L'importante è che mi risuoni! ". Devo dire che ci sta. Tutto nell'universo è vibrazione e ovviamente quel che conta è il risultato. Se uno recita 108 volte Om Namaha Shivaya senza sapere che vuol dire e poi si sente in pace con il mondo, va bene così. Anzi va MOLTO bene! Ma bisogna considerare che nei testi "tecnici" dello yoga, non numerosissimi, si parla di una serie di valenze simboliche, modalità di  pronuncia e possibilità di "utilizzo" che, secondo me, la maggi

IL FIGLIO DI YOGANANDA E L'INDIGESTIONE DI BUDDHA

YOGANANDA Quando nel 1996, pochi giorni prima del suo centesimo compleanno Lorna Erskine, si abbandonò al sonno della morte, Ben, il figlio, decise di rivelare al mondo il suo segreto i: Yogananda, il casto e puro guru, era suo padre. Ne uscì fuori una terribile, e molto poco yogica, battaglia legale a colpi di foto, rivelazioni pruriginose ed esami del DNA tra la Self Realization Fellowship,la potente associazione fondata dal maestro, e gli eredi di Lorna (che chiedevano un sacco di soldi...). Ad un certo punto vennero fuori altri tre o quattro figli di discepole americane, tutti bisogna dire assai somiglianti al Guru, . E venne fuori una storia, confermata da alcuni fuoriusciti dalla Self Realization Fellowship (e quindi... interessati) riguardante un gruppo di "sorelle dell'amore" giovani discepole che avrebbero diviso con Yogananda il terzo piano del primo centro californiano della S:R:F. Certo, per tornare a Lorna, che se una donna americana bianca e b

I CAKRA DEI NATH

    Nonostante in molti testi si parli esclusivamente di sei cakra + il cakra dei mille petali,   in genere nella tradizione Nath se ne enumerano nove: 1.      Brahmā Cakra  - corrispondente al  Mūlādhāra Cakra ; 2.      Svādhiṣṭāna Cakra  " – “centro di supporto del sé", “la sua propria dimora”; 3.      Nābhi Cakra "centro dell'ombelico"; 4.      Hṝdayādhāra "centro del cuore"; 5.      Kaṇṭha Cakra "centro della gola"; 6.      Tālu Cakra "Centro del palato"; 7.      Bhrū Cakra – “Centro tra le sopracciglia" non sempre identificabile con ajñā cakra , posto spesso al centro della fronte. 8.      Nirvāṇa Cakra che alcuni fanno corrispondere al brahmārandhra e altri ad ajñā cakra 9.      Ākāṣa Cakra "centro dello spazio", posto al sincipite per alcuni, sopra la testa secondo altri.   Un altro sistema di cakra presente nello Yoga dei Nāth è quello dei cinque maṇ