Passa ai contenuti principali

IL MISTERO DELLA TERRA PIATTA

In questi giorni sono rimasto bloccato a casa per l'influenza.
Febbre alta e dolori vari che il buon senso mi ha suggerito di curare stando sotto le coperte, al caldo.
Riposo forzato.
Ne ho approfittato per  approfondire due argomenti molto in voga trai miei amici complottisti, di cui, fino ad ora, mi ero interessato poco assai: la teoria della terra piatta e le  famigerate scie chimiche.
Sono rimasto di stucco.
Per ciò che riguarda la terra piatta le "prove indiscutibili" presentate dai fautori del complotto della terra sferica paiono, a me che ho studiato e insegnato chimica e ho un minimo di preparazione scientifica, un pochino deboli.
Non starò qui ad elencarle, ma vi consiglio di vedere il video documentario "La Teoria della Pazzia" e le discussioni, accesissime che ne sono scaturite.
In genere e credenze dei Terrapiattisti sono un tantino bizzarre: si suppone che la Terra sia una piattaforma immobile nello spazio e coperta da una cupola di vetro sulla quale sono attaccate le stelle.Il sole e la Luna, molto più vicini di quanto  possiamo immaginare, sono anch'essi all'interno della cupola e sarebbero illuminati artificialmente.
L'Antartide sarebbe una cintura di ghiacciai protetta dai militari di tutte le nazioni, che circonda il nostro pianeta ad impedire che qualcuno si avventuri ai confini della cupola e scopra il tremendo inganno.
i Terrapiattisti fanno convegni e conferenze, producono libri e documentari basandosi su credenze che farebbero sorridere gli studenti di seconda media (tipo che se la terra ruotasse davvero intorno al sole le acque di fiumi e mari si disperderebbero nello spazio in virtù della forza centrifuga....
Roba strana.

Dopo  aver letto centinaia di blog  e ingoiato una cinquantina di video sull'argomento non sono ancora riuscito a capire chi e cosa ci guadagnerebbe dal nascondere alla popolazione mondiale un simile inganno.
E spero che qualcuno dei miei, molti, amici complottisti possa spiegarmelo.





Per ciò che riguarda la teoria delle scie chimiche devo dire che mi sembra meno campata in aria della credenza della terra piatta.
In pratica le scie di condensazione create dagli aerei nell'atmosfera terrestre non sarebbero formate da vapore acqueo, ma da agenti chimici e biologici che, ricadendo sull'ignara popolazione terrestre, produrrebbero malattie di vario genere e mutazioni del dna.
Le finalità di questo complotto sarebbero chiare e comprensibili da tutti: da un lato si farebbero morire un gran numero di persone per malattie note e ignote (indebolendo le difese immunitarie e introducendo nuove malattie) in modo risolvere il problema della sovrappopolazione (si dice che tra 50 anni non ci sarà più acqua potabile per tutti) e dall'altro si creerebbe una stirpe di inconsapevoli cyberschiavi al servizio dell'élite pluto-giudaico-massonica.
Le scie chimiche sono sotto gli occhi di tutti, dicono i complottisti, basta alzare gli occhi al cielo in una giornata di sole per vedere le strane strisce bianche rilasciate  da aerei civili e militari.



La teoria delle scie chimiche si basa quasi esclusivamente sul fatto che fino alla fine degli anni 90 del secolo scorso nessuno le aveva mai viste.
A dir la verità gli aerei hanno sempre creato scie di condensazione [basta leggere wikipedia che non sempre è il massimo di attendibilità, lo ammetto...): 

"Le scie di condensazione più comuni sono dovute alla rapida condensazione in ghiaccio del vapore acqueo presente nei gas di scarico del velivolo durante la navigazione in alta quota dove la temperatura esterna è molto bassa. La persistenza e l'espansione di tali scie dipende dalla presenza di sufficiente umidità alla quota di volo.[8][9]
Oltre al vapore acqueo le emissioni provocate dagli aerei contengono biossido di carbonioossidi di azotomonossido di carbonioidrocarburi come il metanosolfatiparticolato da combustione"]
Ma i complottisti  giurano sul fatto che prima del 2000 non rimanevano visibili tanto a lungo e non avevano la lunghezza che hanno al giorno d'oggi.

Sarà vero?
Sono andato a cercare delle foto di aerei della seconda guerra mondiale e guardate cosa ho trovato:






I miei amici complottisti ovviamente potrebbero dire che queste foto non provano niente.
Ma il dubbio che le scie chimiche siano normalissime scie di condensazione è forte assai.


Insomma durante questi due giorni di febbricitante riposo mi è venuto da pensare che i profeti della Terra piatta e gli allarmati osservatori di scie chimiche siano attendibili quanto Totò che vende la fontana di Trevi.
Ma, mi chiedo, se Totò  contava balle per mestiere, che cosa ci guadagneranno i miei amici complottisti?
Soldi? Successo? Sesso?
Non credo proprio.
Molti di loro li conosco, e bene.
Sono brave persone, di cultura superiore alla media, e, solitamente in buona fede.
Cosa li spinge a divulgare delle teorie così strampalate? 
Può darsi, mi sono detto, che gli amici complottisti siano in possesso di prove che non possono rendere pubbliche.
Può darsi anche che i miei filtri cognitivi, le mie sovrastrutture culturali, mi impediscono di vedere la "loro" verità.
O magari, semplicemente, come dicono in Francia, "si sono fumati anche la moquette".
Chi sa....qualcuno  ha un'idea in proposito?

Commenti

Post popolari in questo blog

IL SIGNIFICATO NASCOSTO DEI MANTRA - OM NAMAḤ ŚIVĀYA

Alzi la mano chi non ha mai recitato un mantra indiano o tibetano senza avere la minima idea di cosa significasse. C'è addirittura una scuola di pensiero che invita ad abbandonarsi al suono, alla vibrazione e ad ascoltare con il cuore. Il personale sentire viene considerato un metro di giudizio assai più affidabile della razionalità, e l'atteggiamento più comune, nell'approccio alla "Scienza dei mantra è il " Che mi frega di sapere cosa vuol dire? L'importante è che mi risuoni! ". Devo dire che ci sta. Tutto nell'universo è vibrazione e ovviamente quel che conta è il risultato. Se uno recita 108 volte Om Namaha Shivaya senza sapere che vuol dire e poi si sente in pace con il mondo, va bene così. Anzi va MOLTO bene! Ma bisogna considerare che nei testi "tecnici" dello yoga, non numerosissimi, si parla di una serie di valenze simboliche, modalità di  pronuncia e possibilità di "utilizzo" che, secondo me, la maggi

L'UTILIZZAZIONE DELL'ORGASMO NELLO HAṬHAYOGA

  Qual è lo scopo principale dello Haṭhayoga ? Ingannare la malattia, la vecchiaia e la morte. La malattia, la vecchiaia e infine la morte - e quindi, per chi crede nella reincarnazione, la “trasmigrazione dell’anima – secondo lo Yoga medioevale, avvengono a causa dell’ Ariṣṭa , termine con cui si indica una particolare configurazione astrale che dipende dal giorno di nascita. Durante la vita dell’essere umano, la circolazione delle energie avviene quasi esclusivamente nel “canale di sinistra” - o “canale della Luna” - detto Iḍā e nel canale di destra – o “canale del Sole” - detto Piṅgalā e, di rado, nel canale centrale – o canale dell’Eclissi – detto Suṣumṇā. L’Ariṣṭa - che può essere sia di Sole sia di Luna – coincide con il deterioramento di uno dei due canali laterali, Iḍā e Piṅgalā, ed ha come effetto lo squilibrio della circolazione del flusso vitale Nei testi [1] si parla di “ spirazioni impetuose ”, che, ripetute per un certo numero di giorni, port

MEDITAZIONE: OCCHI APERTI O CHIUSI?

  Voi come meditate? Con gli occhi aperti o con gli occhi chiusi? Non è una domanda oziosa...  Esistono tre diverse modalità di meditare: - con gli occhi chiusi; - con gli occhi socchiusi; - con gli occhi aperti. Così come  esistono tre diverse modalità di recitare i mantra: - recitati o cantati; - bofonchiati; - silenziosi. Queste diverse modalità corrispondono a tre diversi livelli di profondità o pratica: 1. Livello basso (occhi chiusi e mantra recitato o cantato); 2. Livello medio (occhi socchiusi e mantra bofonchiato); 3. Livello avanzato (occhi aperti e mantra silenzioso). Questo almeno è ciò che mi hanno insegnato, ma qualche anno fa ho scoperto, con sorpresa devo dire, che in molte scuole di Yoga si insegna a meditare esclusivamente con gli occhi chiusi. Fermo restando che ognuno debba praticare come meglio gli aggrada, esistono, nello yoga come in ogni altra attività umana, dei "fondamentali", delle istruzioni di base che vengono impartite al primo incontro o alla pr