Passa ai contenuti principali

PRIGIONIERI DEL LINGUAGGIO







 (Tratto da: "IL SENTIERO DELL'ILLUSIONE - LO YOGA NELLA TRADIZIONE DELL'ADVAITA VEDANTA". 

  • Copertina flessibile: 152 pagine. Editore: Independently published. Collana: Arte di Vivere. ISBN-10: 1549534831. ISBN-13: 978-1549534836)




Ciò che chiamiamo Manifestazione per il Vedanta è una combinazione di cinque principi (Spazio, Aria, Fuoco, Acqua e Terra) e tre "qualità” (Sattva, Tajas, Tamas). Questo significa che, a livello assoluto, non c'è nessuna differenza tra IO (inteso come mente, sensazioni, emozioni, corpo) ed un carciofo. I principi costitutivi sono gli stessi. Io però parlo, esprimo desideri e sentimenti e costruisco cose e situazioni.
Costruire, parlare, esprimere sono tutte delle modificazioni del linguaggio. L'IO è qualcosa che è costruito da pensieri/parole e produce pensieri/parole.
In un certo senso, quindi, IO SONO IL LINGUAGGIO. Ciò che definisco IO, il piccolo io empirico, l'Ego, è “la mia maniera di dirlo”. “IO” sono le parole che uso.
“Mente” sono i pensieri che insorgono. Un vortice di pensieri/parole che, quasi magicamente, diviene a sua volta un produttore di parole e pensieri, e queste parole/pensieri si trasformano in una certa maniera di muoversi, di comportarsi, di raccontare il mondo circostante ed infine di modificarlo a “mia” immagine. Le parole/pensieri, la mia maniera di pensare e parlare, ad esempio, in italiano, non può essere considerata innata, è frutto di un processo di apprendimento che comincia, pare, a partire dai sei mesi di vita. Se è vero che il bambino emette dei suoni più o meno articolati è anche vero che questi suoni vengono interpretati dagli adulti a seconda della loro esperienza e dei loro desideri. Difficile credere che Il bambino prima dei sei mesi abbia possibilità di pensare in maniera discorsiva.

Una notte di una ventina di anni fa, mi sono svegliato di colpo ed ho visto Angelica, mia figlia piccola (che ancora non parlava ma riusciva a stare in piedi, poggiandosi sulle sbarre del lettino) che mi osservava.
Ci siamo guardati negli occhi per quasi un'ora, in silenzio.

Fu un'esperienza sconvolgente. Non riuscivo neppu-re ad immaginare cosa pensasse, anzi sembrava che non pensasse proprio. Mi guardava negli occhi, e basta. Dopo un po' anch'io mi sono trovato a guardarla negli occhi e basta.
Non un pensiero.
Non un'immagine che insorgesse nella mente.
La mattina dopo ho cominciato a pensare le cose più stravaganti. Ho pensato che Angelica fosse un alieno, o la reincarnazione di un grande illuminato o altro ancora. Poi, improvvisamente, mi sono ricordato di aver sperimentato esattamente lo stesso stato di non pensiero dieci anni prima, con Francesca, mia figlia maggiore. Lo sguardo del bambino è annichilen-te. E' immenso, ma dopo pochi mesi, acquisendo la parola, anche in maniera limitata, cambia, diviene un cucciolo piagnucoloso o sorridente. Fa tenerezza.
Il suo sguardo può imbarazzare, a volte ma non si riaccenderà più, se non rarissimamente, di quella luce non luce che annichilisce e paralizza il pensiero.

Apprendendo un linguaggio si crea un mondo.

Si imparano prima i nomi (pappa, mamma, babbu, tata...) poi i verbi che indicano le azioni poi il numero di parole apprese comincia ad aumentare in maniera esponenziale. Una cosa stravagante, che mi sembra di ricordare della prima infanzia delle mie figlie, è che la parola IO nonostante sia semplice da ricordare e riconoscere, non è stata tra le prime che hanno cominciato ad usare. Parlando di se stesse usavano la terza persona: “Bimba ha sete” o semplicemente “Bimba Ma” (usavano entrambe la sillaba MA per indicare l'acqua). Naturalmente non si può generalizzare, è possibile che altri bambini imparando a parlare abbiano usato per prima la parola IO, ma mi pare di ricordare che "IO" stesso, da bambino, non usassi la prima persona singolare, ma mi riferissi a ME in terza persona: "ha fame", mi sembra dicessi.
Tanto è vero che mia madre si burlava di me dicendo che avevo un amico invisibile. Gli dette pure un nome, Artù o Arturino. Non avendo parole (intendendo per parole il linguaggio ovvero qualsiasi modalità di espressione di un concetto) la mente del bambino è insondabile.

Commenti

Post popolari in questo blog

IL SIGNIFICATO NASCOSTO DEI MANTRA - OM NAMAḤ ŚIVĀYA

Alzi la mano chi non ha mai recitato un mantra indiano o tibetano senza avere la minima idea di cosa significasse. C'è addirittura una scuola di pensiero che invita ad abbandonarsi al suono, alla vibrazione e ad ascoltare con il cuore. Il personale sentire viene considerato un metro di giudizio assai più affidabile della razionalità, e l'atteggiamento più comune, nell'approccio alla "Scienza dei mantra è il " Che mi frega di sapere cosa vuol dire? L'importante è che mi risuoni! ". Devo dire che ci sta. Tutto nell'universo è vibrazione e ovviamente quel che conta è il risultato. Se uno recita 108 volte Om Namaha Shivaya senza sapere che vuol dire e poi si sente in pace con il mondo, va bene così. Anzi va MOLTO bene! Ma bisogna considerare che nei testi "tecnici" dello yoga, non numerosissimi, si parla di una serie di valenze simboliche, modalità di  pronuncia e possibilità di "utilizzo" che, secondo me, la maggi

IL FIGLIO DI YOGANANDA E L'INDIGESTIONE DI BUDDHA

YOGANANDA Quando nel 1996, pochi giorni prima del suo centesimo compleanno Lorna Erskine, si abbandonò al sonno della morte, Ben, il figlio, decise di rivelare al mondo il suo segreto i: Yogananda, il casto e puro guru, era suo padre. Ne uscì fuori una terribile, e molto poco yogica, battaglia legale a colpi di foto, rivelazioni pruriginose ed esami del DNA tra la Self Realization Fellowship,la potente associazione fondata dal maestro, e gli eredi di Lorna (che chiedevano un sacco di soldi...). Ad un certo punto vennero fuori altri tre o quattro figli di discepole americane, tutti bisogna dire assai somiglianti al Guru, . E venne fuori una storia, confermata da alcuni fuoriusciti dalla Self Realization Fellowship (e quindi... interessati) riguardante un gruppo di "sorelle dell'amore" giovani discepole che avrebbero diviso con Yogananda il terzo piano del primo centro californiano della S:R:F. Certo, per tornare a Lorna, che se una donna americana bianca e b

IL TIZZONE ARDENTE

Mandukyakarika, alatasànti prakarana  45-50, 82 ; traduzione di  Raphael : "E' la coscienza - senza nascita, senza moto e non grossolana e allo stesso modo tranquilla e non duale - che sembra muoversi ed avere qualità Così la mente/coscienza è non nata e le anime sono altre-sì senza nascita. Coloro i quali conoscono ciò non cadono nell'errore/sofferenza. Come il movimento di un tizzone ardente sembra avere una linea dritta o curva così il movimento della coscienza appare essere il conoscitore e il conosciuto. Come il tizzone ardente quando non è in moto diviene libero dalle apparenze e dalla nascita, cosi la coscienza quando non è in movimento rimane libera dalle apparenze e dalla nascita. Quando il tizzone ardente è in moto , le apparenze non gli provengono da nessuna parte. Né esse vanno in altro luogo quando il tizzone ardente è fermo, né ad esso ritornano. Le apparenze non provengono dal tizzone ardente a causa della loro mancanza di sostanzialità. Anche nei confronti