Passa ai contenuti principali

MEDITAZIONE - SENZA SCELTA, SENZA TECNICA, SENZA SCOPO


Per molti anni ho meditato su una frase di Chang Tsu.

Una sola frase: "L'uomo saggio respira con i talloni"-

Era una specie di ossessione: risuonava nelle orecchie, improvvisa, nel dormiveglia o nelle attese strategiche alla fermata del bus.

Ci sono mille e mille modi diversi per occupare tempo e mente e il riflettere costantemente su una frase incomprensibile non è certo il più fruttuoso:

 "L'uomo saggio respira con i talloni"…"L'uomo saggio respira con i talloni!"…"L'uomo saggio respira con i talloni?"

A volte ho pensato ad errori di traduzione o a un codice segreto, inaccessibile senza la parola chiave.
Che cosa vuol dire "respirare con i talloni?"
[…] Ascoltare con le orecchie, ascoltare con il cuore, ascoltare con il respiro, non basta: bisogna "Ascoltare senza scelta".
 
L'uomo che respira con i talloni è “l’Essere che ascolta se stesso”.

Non c'è esercizio di respirazione, non c'è Asana che possa condurre all'Essere che ascolta se stesso: è una pratica "senza scelta, senza tecnica, senza scopo"

Ogni tecnica nello Yoga è considerata solo un appiglio, un artificio per cercare di non cadere nel vuoto.

La mente è movimento, non la si può arrestare e il vuoto è infinita energia creatrice.  

Il vuoto è un foglio bianco. La meditazione è la matita sospesa sul foglio. 

Sul foglio bianco posso disegnare la colomba di Picasso, il cerchio perfetto o uno scarabocchio.

Le tecniche sono scarabocchi.

Non sono inutili, per carità
A son di disegnarli il foglio bianco si trasforma, piano piano, in un foglio nero, poi basta che qualcuno ci metta in mano una matita bianca e ci spieghi che meditazione non è l'atto volontario del disegnare, ma è mettersi ad osservare la matita nell'attimo in cui comincia a scrivere o disegnare e ascoltare il silenzio nell'istante in cui la matita è sospesa sul foglio.

L'attimo che precede l'atto è
 lo spazio in cui non entra un capello su cui meditavano i samurai.
È il suono di una mano sola su cui meditavano i monaci zen.
 
Mettere la mente nel respiro vuol dire imprigionare la mente nel respiro. 
È meglio che farla girare a vuoto in mille e mille pensieri, storie, rancori e dolori, ma è pur sempre un imprigionarla. 

Mettere la mente nel cakra della fronte vuol dire imprigionare la mente. 

Mettere la mente sulle “energie sottili” vuol dire imprigionare la mente. 

Mettere la mente su un'immagine sacra vuol dire imprigionare la mente.

Quando la mente è libera resta solo l'osservare.

L'osservare è il "ricordarsi di sé".
La mente libera di muoversi senza costrizione la si può solo osservare.

Posso mettere volontariamente le mani nel “gesto” dell'insegnamento ed imitare il Buddha, ma non sarò il Buddha 
Posso volontariamente storcere gli occhi verso il naso e imitare il non sguardo dei samurai, ma non sarò il samurai.

Non posso volontariamente osservare la mente.
 
L’ascolto senza scelta è la mente che osserva se stessa. 

La mente che non è prigioniera si espande in ogni direzione e contemporaneamente si contrae nel punto infinitamente piccolo. 

Il punto infinitamente piccolo e lo spazio infinitamente grande sono la stessa cosa. 

La mente che non è prigioniera è la mente di Buddha.

 
Anzi, è Buddha.

Commenti

Post popolari in questo blog

IL SIGNIFICATO NASCOSTO DEI MANTRA - OM NAMAḤ ŚIVĀYA

Alzi la mano chi non ha mai recitato un mantra indiano o tibetano senza avere la minima idea di cosa significasse. C'è addirittura una scuola di pensiero che invita ad abbandonarsi al suono, alla vibrazione e ad ascoltare con il cuore. Il personale sentire viene considerato un metro di giudizio assai più affidabile della razionalità, e l'atteggiamento più comune, nell'approccio alla "Scienza dei mantra è il " Che mi frega di sapere cosa vuol dire? L'importante è che mi risuoni! ". Devo dire che ci sta. Tutto nell'universo è vibrazione e ovviamente quel che conta è il risultato. Se uno recita 108 volte Om Namaha Shivaya senza sapere che vuol dire e poi si sente in pace con il mondo, va bene così. Anzi va MOLTO bene! Ma bisogna considerare che nei testi "tecnici" dello yoga, non numerosissimi, si parla di una serie di valenze simboliche, modalità di  pronuncia e possibilità di "utilizzo" che, secondo me, la maggi

L'UTILIZZAZIONE DELL'ORGASMO NELLO HAṬHAYOGA

  Qual è lo scopo principale dello Haṭhayoga ? Ingannare la malattia, la vecchiaia e la morte. La malattia, la vecchiaia e infine la morte - e quindi, per chi crede nella reincarnazione, la “trasmigrazione dell’anima – secondo lo Yoga medioevale, avvengono a causa dell’ Ariṣṭa , termine con cui si indica una particolare configurazione astrale che dipende dal giorno di nascita. Durante la vita dell’essere umano, la circolazione delle energie avviene quasi esclusivamente nel “canale di sinistra” - o “canale della Luna” - detto Iḍā e nel canale di destra – o “canale del Sole” - detto Piṅgalā e, di rado, nel canale centrale – o canale dell’Eclissi – detto Suṣumṇā. L’Ariṣṭa - che può essere sia di Sole sia di Luna – coincide con il deterioramento di uno dei due canali laterali, Iḍā e Piṅgalā, ed ha come effetto lo squilibrio della circolazione del flusso vitale Nei testi [1] si parla di “ spirazioni impetuose ”, che, ripetute per un certo numero di giorni, port

MEDITAZIONE: OCCHI APERTI O CHIUSI?

  Voi come meditate? Con gli occhi aperti o con gli occhi chiusi? Non è una domanda oziosa...  Esistono tre diverse modalità di meditare: - con gli occhi chiusi; - con gli occhi socchiusi; - con gli occhi aperti. Così come  esistono tre diverse modalità di recitare i mantra: - recitati o cantati; - bofonchiati; - silenziosi. Queste diverse modalità corrispondono a tre diversi livelli di profondità o pratica: 1. Livello basso (occhi chiusi e mantra recitato o cantato); 2. Livello medio (occhi socchiusi e mantra bofonchiato); 3. Livello avanzato (occhi aperti e mantra silenzioso). Questo almeno è ciò che mi hanno insegnato, ma qualche anno fa ho scoperto, con sorpresa devo dire, che in molte scuole di Yoga si insegna a meditare esclusivamente con gli occhi chiusi. Fermo restando che ognuno debba praticare come meglio gli aggrada, esistono, nello yoga come in ogni altra attività umana, dei "fondamentali", delle istruzioni di base che vengono impartite al primo incontro o alla pr