Passa ai contenuti principali

E SE LO YOGA FACESSE MALE? RIFLESSIONI SULLA PRATICA DI KRISHNAMACHARYA, IYENGAR E PATTABHI JOIS

 


Nel Goraksha Paddhati - uno dei testi fondamentali dello haṭhayoga - si afferma che la pratica assidua conduce al ringiovanimento del corpo, alla salute e alla longevità. Il corpo è sacro per lo haṭhayoga, e bellezza, salute e longevità sono  condizioni necessarie per poter realizzare i  "tanto amati dagli yogin" - come afferma Goraksha -  poteri psichici - siddhi - da utilizzare per "il bene di tutti gli esseri senzienti". Lo haṭhayoga, anche se a molti parrà un affermazione strana o provocatoria - va quindi considerato "anche" una forma di fitness, ovvero una attività che conduce alla salute e alla bellezza del corpo; 

Considerando che il corpo umano è sottoposto sempre alle stesse leggi in tutti i tempi e a tutte le latitudini ho pensato che praticando gli āsana e le sequenze gli yogin debbano, necessariamente, seguire le stesse regole fondamentali dei danzatori e dei ginnasti occidentali.
Ho analizzato in cerca di conferme una serie di vecchie foto di Krishnamacharya, Iyengar, Pattabhi Jois e dei loro allievi, e credo di aver fatto delle scoperte interessanti.

Esaminiamo ad esempio la foto precedente, spettacolare,  di Krishnamacharya:

Nel corpo umano in movimento la terza vertebre lombare - al centro della lordosi lombare - e la quarta vertebra cervicale - al centro della lordosi cervicale - devono "spingere", per così dire, sempre nella stessa direzione e la quinta vertebra dorsale - al centro della cifosi dorsale - deve "spingere" in direzione opposta. Questa dinamica unita alla tensione contrapposta del sincipite - la parte più alta del cranio - e del perineo - il "disco fibroso" al centro dei due muscoli chiamati "trasversi perineali" - in basso, permette l'allungamento della colonna vertebrale in ogni posizione, condizione fondamentale per il corretto funzionamento dei vari apparati e sistemi del corpo e per lo sviluppo del corretto "tono gravitazionale", come viene definito lo sviluppo armonioso dei muscoli che si attivano e aumentano la loro attività per opporsi alla forza di gravità.

Alla dinamica "3a lombare - 4a cervicale - 5a dorsale" nel movimento "corretto" si accompagnano l'allineamento "scapola-gomito-polso" e "anca-ginocchio-caviglia".
Per comprendere queste due regole primarie del movimento basta che facciate tre semplici esperimenti:

1) Provate, in posizione eretta, a spingere la 4a cervicale indietro, raddrizzando la lordosi cervicale, e contemporaneamente a spingere la 3a lombare in avanti, accentuando la lordosi lombare, dopo di che fate qualche passo in avanti e indietro analizzando le tensioni muscolari e la maniera di respirare: probabilmente i muscoli della schiena si contrarranno e la respirazione sarà difficoltosa;

2) Mettevi in piedi con le braccia lungo il corpo spalle rilassate e il palmo delle mani rivolto verso le cosce e provate a "chiudere" il più possibile le scapole portandole verso la 5a dorsale: i polsi tenderanno ad aprirsi facendo rivolgere ilpalmo delle mani verso l'alto e l'esterno mentre i gomiti tenderanno a "chiudersi" tendendo verso il basso e verso l'interno. Al contrario  se si aprono il più possibile le scapole - allontanandole dalla 5a dorsale - il palmo si volterà naturalmente verso il basso e indietro e il gomito tenderà ad "aprirsi verso l'esterno e il basso. Se si tenta di opporsi a questa dinamica  si creeranno delle inutili contrazioni che renderanno difficile o impediranno del tutto il movimento naturale; 

3) Spingete il più possibile all'esterno il piede destro e viceversa spingete il ginocchio verso l'interno: oltre a mettere a rischio i vostri menischi vi sarà difficile anche fare un solo passo in avanti.

Per il corretto movimento del corpo e il corretto sviluppo del "tono gravitazionale" queste tre  "dinamiche fondamentali" (ovvero 3a lombare-5a dorsale-4a cervicale, scapola-gomito-polso e anca-ginocchio-caviglia) devono essere applicate sui tre piani di movimento, detti "piano frontale", "piano sagittale" e "piano mediale";



Il piano frontale divide il corpo in due parti, "avanti" e "dietro" e i movimenti che lo riguardano sono quelli "verso destra" e "verso sinistra";

Il piano sagittale divide il corpo in due parti simmetriche, sinistra e destra ed è interessato dai movimenti in avanti e in dietro;

Il piano mediale o trasversale divide il corpo in due parti di "eguale massa" - viene posto all'altezza del plesso solare) e riguarda i movimenti di torsione e rotazione.

Immaginiamo di fare un movimento verso il basso in avanti con il busto fino a portarlo parallelo a terra, formando più o meno un angolo di 90° con le gambe:
La 4a cervicale, all'altezza del "gozzo" e la 3a lombare, all'altezza dell'ombelico, "spingeranno verso terra" mentre la 5a dorsale , in linea con il centro dello sterno, "spingerà verso il soffitto"; il sincipite invece spingerà "in avanti" e la regione sacrale "indietro" in modo da mantenere comodamente l'equilibrio con la colonna vertebrale alla massima estensione.
Riprendiamo l'immagine di Krishnamacharya:


Guardate la curva lombare e la curva cervicale: 3a lombare e 4a cervicale spingono nella medesima direzione in contrapposizione con la 5a dorsale.
Per ciò che riguarda gli allineamento anca-ginocchio-caviglia  e scapola-gomito-polso dal punto di vista posturale sono perfetti.

Il risultato degli allineamenti è un corpo tonico e equilibrato, senza sforzi eccessivi (notate la morbidezza delle mani e il rilassamento del volto).
Krishnamacharya rispetta le regole fondamentali del movimento umano in ogni posizione; ecco ad esempio "Mahamudra":


i "tre allineamenti" sono perfetti, e bisogna notare che la gamba destra (quella  allungata in avanti) e completamente distesa - non c'è "luce" tra il ginocchio e il pavimento - e il piede destro è perfettamente perpendicolare alla gamba in modo che anca, centro della rotula e spazio tra il secondo e il terzo dito siano perfettamente in linea.

Mantenere il corretto allineamento tra le tre vertebre chiave, scapola-gomito-polso e anca-ginocchio-caviglia sembra essere la cosa più importante per Krishnamacharya ecco altri esempi: 


Notate l'allineamento perfetto del busto e degli arti e, dettaglio che come vedremo è assai importante, il rilassamento del piede sinistro a cui si contrappone la tonicità del polpaccio sinistro;


In questa quarta immagine fate invece caso, oltre che al perfetto allineamento degli arti e del busto, al rilassamento del piede destro e al "ponte" del piede, quasi da danzatore.
L'attenzione per il corretto allineamento posturale e, quindi, per le dinamiche "scapola-gomito-polso", "anca-ginocchio-caviglia" e 3a L-5a T-4a C, è tipica di tutte le tecniche corporee tradizionali indiane  dalla danza alle arti marziali:
Osservate  la postura di questa danzatrice di Bharatanatyam:
 

La figura sotto ritrae invece la "spaccata volante" di un praticante di Kalaripayattu: osservate come i piedi siano perpendicolari alle gambe:


Quest'altro è invece un praticante di Silamban: guardate l'allineamento della schiena e la, perfetta, dinamica anca-ginocchio-caviglia:


Le regole del movimento, se i fini sono la salute del corpo, la bellezza e l'efficacia del gesto sono sempre le stesse.
O almeno dovrebbero.
Prendiamo adesso un immagine in cui Iyengar si esibisce in una variante di Trikonasana,la postura del "Triangolo":


Il ginocchio destro è completamente fuori asse rispetto ad anca e caviglia, i piedi sono contratti, i polpacci ipotonici, il collo è incassato e la 4a C spinge in una direzione diversa rispetto alla 3a L.
Se osserviamo come Krishnamacharya assumeva la stessa identica postura noteremo altre differenze, secondo me, fondamentali:



A parte il perfetto allineamento anca-ginocchio-caviglia e la corretta dinamica 4aC-5aT-3a L, il busto di Krishnamacharya, a differenza di quello di Iyengar, è in torsione: sta lavorando sul "Piano trasversale" e non sul "Piano frontale" come Iyengar!
I gomiti al contrario di quelli di Iyengar non sono in iperestensione,  polpacci sono tonici e i piedi rilassati.
Nonostante l'apparenza si tratta di una postura completamente diversa, con  finalità e modalità di esecuzione completamente diverse.
Osserviamo  adesso alcune foto tratte da "Yoga Mala" di Pattabhi Jois:


In questa postura (immagine precedente) - una variante di Upavishta Konasana - possiamo notare:
1) La estrema contrazione dei muscoli posteriori della catena muscolare posteriore della gamba, soprattutto all'altezza del ginocchio;
2) Il non rispetto dell'allineamento caviglia-ginocchio-anca, con i piedi che "spingono" in direzione opposta ad anche e ginocchia;
3) La mancanza di tonicità dei polpacci e la tensione evidente dei piedi ( riscontrabili in moltissime immagini di Iyengar, Pattabhi  e dei loro allievi);
4) L'accentuazione della lordosi cervicale e la contemporanea inversione della lordosi lombare (lo si capisce dalla posizione dell'ombelico), sintomi di una volontaria mancanza di rispetto per la dinamica 3aL, 5aT, 4aC;


In questa postura si notano ancora di più la tensione dei piedi e la contrazione dei muscoli della catena posteriore della gamba [N.B. tra il pavimento e il ginocchio destro "c'è luce" cosa che non dovrebbe accadere dato che la spinta del tallone in avanti e la  contemporanea tensione delle dita "indietro" - evidenti nella foto - dovrebbero portare  all'allungamento della catena  muscolare posteriore della gamba], ma la cosa più evidente è l'errata posizione del collo e del cinto scapolare, con la testa che risulta incassata nelle spalle;


Quest'ultima immagine, sempre tratta da "Yoga Mala" di Pattabhi Jois, nonostante gli errori posturali siano meno evidenti, è forse la più interessante:
1) Innanzitutto occorre notare la "rettilineizzazione" della lordosi cervicale che provoca l'allineamento della 4aC non con la 3aL, ma con un punto immaginario posto sul pavimento, identificabile con la freccia rossa a destra; di conseguenza il sincipite, la parte più alta della testa è posto su un asse perpendicolare a terra e non in linea con il perineo;

2) La lordosi lombare è invece, sorprendentemente, invertita, quando, seguendo la dinamica naturale dovrebbe adeguarsi all'allineamento della curva cervicale;

3) Osservate i piedi: il praticante  cerca di stendere le punte, ma avendo il polpaccio e la caviglia bloccati riesce solo a mettere il plesso venoso del metatarso in linea con il tallone, cosicché il piede forma un angolo a 90° con la gamba.
Dal punto di vista "posturale" l'āsana dell'immagine sopra è decisamente sbagliato, come lo sono, in apparenza, molti degli āsana fotografati nel libro "Yoga Mala".
Possibile che milioni di persone in tutto il mondo pratichino gli esercizi di Pattabhi Jois o di Iyengar senza accorgersi che sono, almeno dal punto di vista del "movimento naturale, sbagliati?
Il discorso è molto più complesso di quanto possa sembrare e riguarda il senso stesso del lavoro fisico che si fa nello Yoga.
Il blocco del polpaccio e della caviglia dipende, anche, da una indicazione che spesso viene data dagli istruttori di Iyengar Yoga e Ashtanga Yoga: "tirate su la rotula"; si tratta di un movimento di contrazione dei muscoli della coscia finalizzato a mettere la rotula in una posizione innaturale che ha il fine di "proteggere l'articolazione del ginocchio".
Nello Yoga di Pattabhi Jois  e di Iyengar occorre infatti "proteggere le articolazioni" perché si assumano posture in cui gli arti e la schiena subiscono sollecitazioni "estreme", non in accordo con le dinamiche naturali del corpo umano.

In altre parole al praticante si chiede di andare "oltre i propri limiti fisiologici" utilizzando tutta una serie di attrezzi - corde e sostegni vari  - nel caso di Iyengar  e i famosi "aggiustamenti" - ovvero manovre effettuate dall'istruttore con il proprio corpo - nel caso di Pattabhi Jois.

L'aumento di vitalità e le sensazioni positive che un praticante di Iyengar Yoga o di di Ashtanga Yoga sperimenta dopo la pratica, dipende anche e soprattutto da questo "andare oltre i propri limiti";
Riuscire ad assumere posizioni estreme, alla ricerca di linee astratte,  ha effetti benefici, spesso eccezionali, sulla mente e quindi sul corpo del praticante a cui si chiede, ripeto, di andare "oltre i propri limiti fisiologici".
Un lavoro interessantissimo, quindi, ma che, a giudicare dalle immagini e dai filmati, è assai diverso da quello di Krishnamacharya, al quale , in teoria, Iyengar e Pattabhi Jois dovrebbero fare riferimento.

Krishnamacharya, yogin guaritore, era figlio di un maestro di Bharathanatyam e in ogni sua postura e sequenza si notano il rispetto per l'anatomia e per le naturali dinamiche del corpo umano tipici delle arti del corpo indiane;

I suoi allievi Iyengar e Pattabhi Jois lavorano invece per andare "oltre le dinamiche naturali e i limiti fisiologici", alla maniera dei Fakir e dei contorsionisti;
Si tratta in definitiva di due tecniche diverse legate a due diversi tradizioni del sub continente indiano: a seconda del proprio temperamento e dei propri fini il praticante può scegliere l'una o l'altra  ma dovrebbe, a parer mio, essere consapevole dei rischi e dei benefici di entrambe.
Se si seguono gli insegnamenti originali di Krishnamacharya - uno hathayoga rivisitato alla luce della moderna educazione fisica occidentale - non si andrà mai oltre i propri limiti fisiologici, nel rispetto delle dinamiche naturali del movimento umano;
Se si seguono gli insegnamenti di Iyengar e Pattabhi Jois potremo andare oltre i nostri limiti, in un'ottica di dominio del corpo e quindi della Natura.
In un certo senso - è una mia opinione, opinabile quindi come lo sono tutte le opinioni - lo Yoga di Krishnamacharya è "Arrendersi alla Gravità" quello dei suoi famosi allievi è "Dominare la Gravità".














Commenti

Post popolari in questo blog

IL SIGNIFICATO NASCOSTO DEI MANTRA - OM NAMAḤ ŚIVĀYA

Alzi la mano chi non ha mai recitato un mantra indiano o tibetano senza avere la minima idea di cosa significasse. C'è addirittura una scuola di pensiero che invita ad abbandonarsi al suono, alla vibrazione e ad ascoltare con il cuore. Il personale sentire viene considerato un metro di giudizio assai più affidabile della razionalità, e l'atteggiamento più comune, nell'approccio alla "Scienza dei mantra è il " Che mi frega di sapere cosa vuol dire? L'importante è che mi risuoni! ". Devo dire che ci sta. Tutto nell'universo è vibrazione e ovviamente quel che conta è il risultato. Se uno recita 108 volte Om Namaha Shivaya senza sapere che vuol dire e poi si sente in pace con il mondo, va bene così. Anzi va MOLTO bene! Ma bisogna considerare che nei testi "tecnici" dello yoga, non numerosissimi, si parla di una serie di valenze simboliche, modalità di  pronuncia e possibilità di "utilizzo" che, secondo me, la maggi

IL FIGLIO DI YOGANANDA E L'INDIGESTIONE DI BUDDHA

YOGANANDA Quando nel 1996, pochi giorni prima del suo centesimo compleanno Lorna Erskine, si abbandonò al sonno della morte, Ben, il figlio, decise di rivelare al mondo il suo segreto i: Yogananda, il casto e puro guru, era suo padre. Ne uscì fuori una terribile, e molto poco yogica, battaglia legale a colpi di foto, rivelazioni pruriginose ed esami del DNA tra la Self Realization Fellowship,la potente associazione fondata dal maestro, e gli eredi di Lorna (che chiedevano un sacco di soldi...). Ad un certo punto vennero fuori altri tre o quattro figli di discepole americane, tutti bisogna dire assai somiglianti al Guru, . E venne fuori una storia, confermata da alcuni fuoriusciti dalla Self Realization Fellowship (e quindi... interessati) riguardante un gruppo di "sorelle dell'amore" giovani discepole che avrebbero diviso con Yogananda il terzo piano del primo centro californiano della S:R:F. Certo, per tornare a Lorna, che se una donna americana bianca e b

IL TIZZONE ARDENTE

Mandukyakarika, alatasànti prakarana  45-50, 82 ; traduzione di  Raphael : "E' la coscienza - senza nascita, senza moto e non grossolana e allo stesso modo tranquilla e non duale - che sembra muoversi ed avere qualità Così la mente/coscienza è non nata e le anime sono altre-sì senza nascita. Coloro i quali conoscono ciò non cadono nell'errore/sofferenza. Come il movimento di un tizzone ardente sembra avere una linea dritta o curva così il movimento della coscienza appare essere il conoscitore e il conosciuto. Come il tizzone ardente quando non è in moto diviene libero dalle apparenze e dalla nascita, cosi la coscienza quando non è in movimento rimane libera dalle apparenze e dalla nascita. Quando il tizzone ardente è in moto , le apparenze non gli provengono da nessuna parte. Né esse vanno in altro luogo quando il tizzone ardente è fermo, né ad esso ritornano. Le apparenze non provengono dal tizzone ardente a causa della loro mancanza di sostanzialità. Anche nei confronti