Passa ai contenuti principali

I 16 ĀDHĀRA - TECNICHE OPERATIVE DELLO HAṬHAYOGA


I manuali  dello  haṭhayoga medioevale descrivono tecniche operative finalizzate alla produzione e all'utilizzazione di una sostanza chiamata अमृता amtā, सोम soma o raramente, nei testi più influenzati dallo āyurveda, कुण्डली kuṇḍalī .

La produzione di amtā, fine ultimo della pratica di āsana, bandha, mudrā, mantra ecc., porterebbe alla longevità alla salute del corpo, all'insorgere di poteri psichici - सिद्धि siddhi - e, in ultima analisi, alla "liberazione" o मोक्ष mokṣa.

Una di queste tecniche operative riguarda la meditazione sui 16 आधार ādhāra, una pratica che, a quanto so - ma potrei sbagliare - non rientra quasi mai nei programmi di studio dei corsi di formazione per insegnanti yoga o dei corsi settimanali per praticanti, e questo è un vero peccato, almeno secondo Goraka, il padre riconosciuto dello  haṭhayoga.

Si legge nel versetto 12 del primo śataka (gruppo di 100 versi) del Gorakṣa Yogaśāstra:

षट्चक्रं षोडशाधारं द्विलक्ष्य् व्योमपञ्चकम्

स्वदेहे ये जानन्ति कथं सिद्ध्यन्ति योगिनः ।।१२।।

acakra oaśādhāra dvilakya vyomapañcakam /

svadehe ye na jānanti katha siddhyanti yogina //12//

 

“Come possono avere successo [nella pratica] gli yogin che non conoscono i sei cakra, i sedici ādhāra le due modalità di visualizzazione – lakya - e i vyoma pañcaka[1] nel proprio corpo?”


Lasciamo perdere, per il  momento, lakya  e vyoma pañcaka - altri termini poco usati nelle scuole di Yoga contemporanee - e concentriamoci sui sedici ādhāra, senza la conoscenza dei quali, a detta di Gorakè impossibile "avere successo nello Yoga".

Con il termine ādhāra si intendono 16 particolari  मर्म  marma dello āyurveda.
marma sono 107 punti del corpo umano elencati nella  Suśruta-saṃhitā,  ed utilizzati sia dai medici, per la cura di ferite e malattie, sia dai guerrieri per ferire od uccidere, con colpi precise, il nemico.
Ci sono cinque diversi tipi di marma:

  1. Muscolare;
  2. Vascolare;
  3. Legamentoso;
  4. Osseo;
  5. Articolare.

L'importanza dei marma è dovuta al fatto che in ognuno di essi passano almeno alcune delle principali सिरा sirā -termine con cui si indicano talvolta tutte le nāḍī, altre solo  i canali che portano il "seme" - tramite le quali vengono nutriti  legamenti, ossa, muscoli e articolazioni.

Per banalizzare:

  1. - Colpire o bloccare un marma significa spezzare le rete delle sirā - nāḍī, ovvero interrompere la circolazione dei fluidi che sostengono il corpo;
  2. - Stimolare un marma significa invece aumentare la circolazione dei fluidi "nutrienti".

La stimolazione di un marma può essere effettuata tramite la digitopressione, mediante determinate posizioni o, come nel nostro caso, utilizzando particolari tecniche di visualizzazione e meditazione.

I 16 ādhāra di cui parla Gorakṣa  sono collegati, tramite 16  sirā (o nāḍī) ad uno dei sei cakra citati nello stesso versetto (1.12),  il cakra della gola, detto विशुद्ध ViśuddhaViśuddha cakra;

Anzi, si può dire che i 16 petali del cakra della gola siano in realtà i 16 canali che uniscono tra di loro i 16 ādhāra  di Gorakṣa.

Vediamo adesso dove sono situati i 16 ādhāra, secondo un altro testo attribuito a Gorakṣa, il Siddha-Siddhānta-Paddhati:


1. Pādāṅguṣṭhādhāra - "centro dell'alluce”;

2. Mūlādhāra - "radice, centro base";

3. Gudādhāra -"sopra il centro base"

4. Medhrādhāra - "centro del pene", corrisponde per alcuni al Svādhiṣṭāna cakra;

5. Odyanādhāra – in relazione con Uddiyana Bandha (sotto l’ombelico);

6. Nabhyādhāra "centro dell'ombelico";

7. Hṝdayādhāra - "centro del cuore";

8. Kaṇṭhādhāra - "centro della gola";

9. Ghantikādhāra - "centro dell'ugola”;

10. Talvādhāra - "Centro del palato”;

11. Jihvādhāra - "centro della lingua";

12. Bhrūmadhyādhāra -"centro delle sopracciglia", corrisponde ad Ajñā Cakra

13. Nasādhāra - "centro della punta del naso";

14. Kavatādhāra - letteralmente "centro dell'ala della porta", cioè "centro della radice del naso" (Nasamūla);

15. Lalatādhāra - "centro della fronte";

16. Ākāṣa Cakra - "centro  dello Spazio." (corrisponde a Brahmārandhra, la "fontanella").

 

Vediamo adesso la struttura del cakra della gola citato nel Goraka Yogaśāstra:

N

Al centro c'è la sillaba हं haṃ (o हँ haṁ in alcune versioni) e sui sedici petali, in senso orario dall'alto in basso, sono inscritti i sedici suoni vocalici:

1. अं aṃ

2. आं āṃ

3. इं iṃ

4. ईं īṃ

5. उं uṃ

6. ऊंūṃ

7. ऋं ṛṃ

8. ॠं ṝṃ

9. ऌं ḷṃ

10.ॡं ḹṃ

11.एं eṃ

12.ऐं aiṃ

13.ओं oṃ

14.औं auṃ

15.अँ a

16.अः aḥ

La meditazione - una delle meditazioni) sui sedici ādhāra si pratica in questo modo:

1) Si recita la sillaba  ovisualizzando sedici canali che uniscono i sedici ādhāra al cakra della gola;

2) Inspirando si visualizza il "seme" che parte da ciascun ādhāra  e arriva al cakra della gola,  espirando si recita la sillaba हं haṃ riportando il seme dal cakra della gola all'ādhāra (in pratica si recita sedici volte la sillaba हं haṃ visualizzando come "punti di arrivo" i sedici ādhāra, dal primo - pādāṅguṣṭhādhāra  - all'ultimo ākāṣa cakra;

3) Si recita la sillaba  ovisualizzando la rete di "canali" che lega il cakra della gola ai sedici ādhāra;

4) inspirando si porta di nuovo il seme da ciascun  ādhāra al  petalo corrispondente del cakra della gola, espirando si riporta il seme agli ādhāra una delle sedici sillabe - una per ogni ādhāra, in quest'ordine:

1. Pādāṅguṣṭhādhāra - "centro dell'alluce” - 1. अं aṃ

2. Mūlādhāra - "radice, centro base” - 2. आं āṃ

3. Gudādhāra -"sopra il centro base"- 3. इं iṃ

4. Medhrādhāra - "centro del pene" - 4. ईं īṃ

5. Odyanādhāra – “sotto l’ombelico” - 5. उं uṃ

6. Nabhyādhāra "centro dell'ombelico" - 6. ऊंūṃ

7. Hṝdayādhāra - "centro del cuore" - 7. ऋं ṛṃ

8. Kaṇṭhādhāra - "centro della gola" - 8. ॠं ṝṃ

9. Ghantikādhāra - "centro dell'ugola” - 9. ऌं ḷṃ

10. Talvādhāra - "Centro del palato” - 10. ॡं ḹṃ

11. Jihvādhāra - "centro della lingua" - 11. एं eṃ

12. Bhrūmadhyādhāra -"centro delle sopracciglia" - 12. ऐं aiṃ

13. Nasādhāra - "centro della punta del naso"- 13. ओं oṃ

14. Kavatādhāra - "centro della radice del naso" - 14. औं auṃ

15. Lalatādhāra - "centro della fronte"- 15. अँ aṁ

16. Ākāṣa Cakra - "centro dello Spazio" - 16. अः aḥ

La meditazione termina con la recitazione della sillaba  oṁ visualizzata come "Luce Pura".

 



[1] Le "cinque stanze" ( Vyoma Panchaka ) sono denominate nella Siddha-Siddhānta-Paddhati in questo modo: 

  1. Ākāśa;
  2.  Parākāśa;
  3.  Mahākāśa;
  4. Tattvākāśa;
  5. Suryākāśa.

Non si tratta delle "cinque guaine" (Pañcakōṣa, ovvero: annamayakōśa, prāṇamayakōśa, manōmayakōśa, vijñānamayakōśa, ānandamayakōśa) conosciute nell'Advaita Vedānta, ma di una tecnica di visualizzazione ldelo spazio, sia interno sia esterno. Le "cinque stanze" probabilmente sono collegate ai Pañcacakra, i cinque “cakra mistici” della tradizione tantrica.





Commenti

Post popolari in questo blog

IL SIGNIFICATO NASCOSTO DEI MANTRA - OM NAMAḤ ŚIVĀYA

Alzi la mano chi non ha mai recitato un mantra indiano o tibetano senza avere la minima idea di cosa significasse. C'è addirittura una scuola di pensiero che invita ad abbandonarsi al suono, alla vibrazione e ad ascoltare con il cuore. Il personale sentire viene considerato un metro di giudizio assai più affidabile della razionalità, e l'atteggiamento più comune, nell'approccio alla "Scienza dei mantra è il " Che mi frega di sapere cosa vuol dire? L'importante è che mi risuoni! ". Devo dire che ci sta. Tutto nell'universo è vibrazione e ovviamente quel che conta è il risultato. Se uno recita 108 volte Om Namaha Shivaya senza sapere che vuol dire e poi si sente in pace con il mondo, va bene così. Anzi va MOLTO bene! Ma bisogna considerare che nei testi "tecnici" dello yoga, non numerosissimi, si parla di una serie di valenze simboliche, modalità di  pronuncia e possibilità di "utilizzo" che, secondo me, la maggi

L'UTILIZZAZIONE DELL'ORGASMO NELLO HAṬHAYOGA

  Qual è lo scopo principale dello Haṭhayoga ? Ingannare la malattia, la vecchiaia e la morte. La malattia, la vecchiaia e infine la morte - e quindi, per chi crede nella reincarnazione, la “trasmigrazione dell’anima – secondo lo Yoga medioevale, avvengono a causa dell’ Ariṣṭa , termine con cui si indica una particolare configurazione astrale che dipende dal giorno di nascita. Durante la vita dell’essere umano, la circolazione delle energie avviene quasi esclusivamente nel “canale di sinistra” - o “canale della Luna” - detto Iḍā e nel canale di destra – o “canale del Sole” - detto Piṅgalā e, di rado, nel canale centrale – o canale dell’Eclissi – detto Suṣumṇā. L’Ariṣṭa - che può essere sia di Sole sia di Luna – coincide con il deterioramento di uno dei due canali laterali, Iḍā e Piṅgalā, ed ha come effetto lo squilibrio della circolazione del flusso vitale Nei testi [1] si parla di “ spirazioni impetuose ”, che, ripetute per un certo numero di giorni, port

MEDITAZIONE: OCCHI APERTI O CHIUSI?

  Voi come meditate? Con gli occhi aperti o con gli occhi chiusi? Non è una domanda oziosa...  Esistono tre diverse modalità di meditare: - con gli occhi chiusi; - con gli occhi socchiusi; - con gli occhi aperti. Così come  esistono tre diverse modalità di recitare i mantra: - recitati o cantati; - bofonchiati; - silenziosi. Queste diverse modalità corrispondono a tre diversi livelli di profondità o pratica: 1. Livello basso (occhi chiusi e mantra recitato o cantato); 2. Livello medio (occhi socchiusi e mantra bofonchiato); 3. Livello avanzato (occhi aperti e mantra silenzioso). Questo almeno è ciò che mi hanno insegnato, ma qualche anno fa ho scoperto, con sorpresa devo dire, che in molte scuole di Yoga si insegna a meditare esclusivamente con gli occhi chiusi. Fermo restando che ognuno debba praticare come meglio gli aggrada, esistono, nello yoga come in ogni altra attività umana, dei "fondamentali", delle istruzioni di base che vengono impartite al primo incontro o alla pr