Passa ai contenuti principali

IL DESIDERIO CREATIVO: IL CANTO DELLA CREAZIONE DEL ṚGVEDA



Credo che i Veda siano l'opera letteraria più citata e meno letta di tutti i tempi.

Un po' dipende ovviamente dal fatto che il sanscrito vedico è una lingua ostica (personalmente conosco solo una persona in grado di leggerlo, il Prof Marcello Meli dell'Università di Padova), un po' dalla pigrizia e dalla dinamica del sentito dire: preferiamo spesso utilizzare le citazioni di qualcuno di cui ci fidiamo che andare a graffiarci le sinapsi confrontando varie traduzioni e cercando di capire da soli cosa diavolo c'è scritto in quei versi misteriosi.

Però è un peccato, perché se avessimo più tempo e pazienza potremmo, forse, fare delle scoperte interessanti.

Tempo fa, per fare un esempio  mi sono interessato ad un brano, abbastanza famoso devo dire, del Ṛgveda , il cosiddetto "Canto della Creazione" (X -129). Per certi versi l'ho trovato destabilizzante.

Come riferimento ho preso la traduzione che più mi ha intrigato, quella della sanscritista tedesca, Maryla Falk ("IL MITO PSICOLOGICO NELL'INDIA ANTICA" - Adelphi Ed.), traduzione, comunque sia, non dissimile dalle varie che si trovano in giro.

1) Non c'era l'Essere allora, né c'era il Non Essere. Non c'era l'atmosfera né c'era la volta celeste al di là di essa: che cosa nascondeva? E dove? E nel rifugio [intimo] di che? Era forse un oceano il profondo abisso?

2) Non c'era morte allora né immortalità e dalla notte non era distinto il giorno. Respirava senza fiato quel qualcosa e al di fuori di esso non c'era nulla.

3) C'era solo l'oscurità. E tutto Questo era un inconsapevole ondeggiare nascosto dall'oscurità. Quell'immenso che era racchiuso nell'esiguo [spazio del cuore] per la potenza del Tapas nacque.


4) Al di fuori si riversò all'inizio Kāma, il desiderio.[Fu Kāma] la prima cosa a venir fuori dal Manas. Fu scrutando nel cuore che saggi scoprirono l'identità [il legame] tra Essere e Non Essere.

5) La corda di questi [mondi] è posta di traverso. Cosa ci fu al di sopra e cosa ci fu al di sotto? Portatori di semi ci furono, e potenze.E al di sotto ciò che basta a se stesso, al di  sopra la manifestazione.

6) Chi sa? Chi potrebbe dire da dove è sorta questa emanazione? Gli dei stessi sono venuti dopo la sua emissione, chi lo sa, dunque, da dove essa ebbe origine? 

 7) Colui che vigila sul creato, anche se avesse disposto lui la manifestazione, forse saprebbe o forse non saprebbe dire da dove ebbe origine la manifestazione.

Mi pare che il testo sia abbastanza chiaro.
All'inizio c'è  solo l'immensità nell'esiguo spazio del cuore. Poi dal Manas (parola che di solito viene tradotta con mente, ma qui,  pare indicare il centro delle emozioni) emerge Kāma, il desiderio.
Da questa prima emissione si creano i mondi che sono una corda tesa tra un principio statico (colui che basta a se stesso) e un principio dinamico.
Gli Dei e Colui che vigila sul creato (il sole, forse?) vengono dopo, ma neppure loro sanno con certezza da dove provenga la manifestazione.

Abbastanza destabilizzante - vero? - per chi bene o male proviene da una educazione cristiana.
Pare che non ci sia  nessuna volontà creatrice, nessun demiurgo e se anche ci fosse al poeta del Ṛgveda non sembra importare più di tanto.
Come l'onda di piena porta la vita sulle rive del fiume, Kāma, il desiderio, riversandosi al di là dell'oscurità che tutto avvolge, crea il mondo e lo sostiene.

Pare, ma può darsi che mi sbagli, che per i Veda Kāma sia  è il dio dell'inizio e che dietro al suo agire non ci siano disegni complicati, ma solo un'infinita gioia creativa, a--logica, amorale e incomprensibile.
 Come la follia d'amore.

Commenti

Post popolari in questo blog

L'UTILIZZAZIONE DELL'ORGASMO NELLO HAṬHAYOGA

  Qual è lo scopo principale dello Haṭhayoga ? Ingannare la malattia, la vecchiaia e la morte. La malattia, la vecchiaia e infine la morte - e quindi, per chi crede nella reincarnazione, la “trasmigrazione dell’anima – secondo lo Yoga medioevale, avvengono a causa dell’ Ariṣṭa , termine con cui si indica una particolare configurazione astrale che dipende dal giorno di nascita. Durante la vita dell’essere umano, la circolazione delle energie avviene quasi esclusivamente nel “canale di sinistra” - o “canale della Luna” - detto Iḍā e nel canale di destra – o “canale del Sole” - detto Piṅgalā e, di rado, nel canale centrale – o canale dell’Eclissi – detto Suṣumṇā. L’Ariṣṭa - che può essere sia di Sole sia di Luna – coincide con il deterioramento di uno dei due canali laterali, Iḍā e Piṅgalā, ed ha come effetto lo squilibrio della circolazione del flusso vitale Nei testi [1] si parla di “ spirazioni impetuose ”, che, ripetute per un certo numero di giorni, port

IL SIGNIFICATO NASCOSTO DEI MANTRA - OM NAMAḤ ŚIVĀYA

Alzi la mano chi non ha mai recitato un mantra indiano o tibetano senza avere la minima idea di cosa significasse. C'è addirittura una scuola di pensiero che invita ad abbandonarsi al suono, alla vibrazione e ad ascoltare con il cuore. Il personale sentire viene considerato un metro di giudizio assai più affidabile della razionalità, e l'atteggiamento più comune, nell'approccio alla "Scienza dei mantra è il " Che mi frega di sapere cosa vuol dire? L'importante è che mi risuoni! ". Devo dire che ci sta. Tutto nell'universo è vibrazione e ovviamente quel che conta è il risultato. Se uno recita 108 volte Om Namaha Shivaya senza sapere che vuol dire e poi si sente in pace con il mondo, va bene così. Anzi va MOLTO bene! Ma bisogna considerare che nei testi "tecnici" dello yoga, non numerosissimi, si parla di una serie di valenze simboliche, modalità di  pronuncia e possibilità di "utilizzo" che, secondo me, la maggi

MEDITAZIONE: OCCHI APERTI O CHIUSI?

  Voi come meditate? Con gli occhi aperti o con gli occhi chiusi? Non è una domanda oziosa...  Esistono tre diverse modalità di meditare: - con gli occhi chiusi; - con gli occhi socchiusi; - con gli occhi aperti. Così come  esistono tre diverse modalità di recitare i mantra: - recitati o cantati; - bofonchiati; - silenziosi. Queste diverse modalità corrispondono a tre diversi livelli di profondità o pratica: 1. Livello basso (occhi chiusi e mantra recitato o cantato); 2. Livello medio (occhi socchiusi e mantra bofonchiato); 3. Livello avanzato (occhi aperti e mantra silenzioso). Questo almeno è ciò che mi hanno insegnato, ma qualche anno fa ho scoperto, con sorpresa devo dire, che in molte scuole di Yoga si insegna a meditare esclusivamente con gli occhi chiusi. Fermo restando che ognuno debba praticare come meglio gli aggrada, esistono, nello yoga come in ogni altra attività umana, dei "fondamentali", delle istruzioni di base che vengono impartite al primo incontro o alla pr