Passa ai contenuti principali

I CAKRA DEI NATH

 


 

Nonostante in molti testi si parli esclusivamente di sei cakra + il cakra dei mille petali,  in genere nella tradizione Nath se ne enumerano nove:

1.     Brahmā Cakra - corrispondente al Mūlādhāra Cakra;

2.     Svādhiṣṭāna Cakra " – “centro di supporto del sé", “la sua propria dimora”;

3.     Nābhi Cakra "centro dell'ombelico";

4.     Hṝdayādhāra "centro del cuore";

5.     Kaṇṭha Cakra "centro della gola";

6.     Tālu Cakra "Centro del palato";

7.     Bhrū Cakra – “Centro tra le sopracciglia" non sempre identificabile con ajñā cakra, posto spesso al centro della fronte.

8.     Nirvāṇa Cakra che alcuni fanno corrispondere al brahmārandhra e altri ad ajñā cakra

9.     Ākāṣa Cakra "centro dello spazio", posto al sincipite per alcuni, sopra la testa secondo altri.

 

Un altro sistema di cakra presente nello Yoga dei Nāth è quello dei cinque maṇḍala mistici, i cosiddetti Pañcakra, citati nel Kubjikāmata-tantra, un altro testo attribuito a Gorakṣa ovvero:

1.     Devīcakra, o “cakra delle dee”, viene associato all'elemento Terra (pṛthvī).  Si trova nella regione sotto l'ombelico e corrisponde grosso modo ad una posizione intermedia tra mulādhāra cakra e śvādhiṣṭhāna cakra. Devīcakra è la sede di 4 energie – Devī – ognuna delle quali accompagnata da 4 varianti, per un totale di 20 Devī. Nella tradizione tibetana è a volte rappresentato come un loto verde/azzurro con 32 petali.

2.     Dūtīcakra, o “cakra delle dee messaggere” viene associato all’elemento Acqua (apas). Si trova nella regione dell’ombelico ed è considerato la sede di 9 varianti di 9 energie femminili, per un totale di 81 divinità femminili. Nella tradizione tibetana è, a volte, rappresentato come un loto di colore giallo a 64 petali.

3.     Mātṛcakra, o cakra delle mātṛkā”, viene associato all’elemento Fuoco (tejas). Si trova nella zona del cuore ed è la sede di 8 energie femminili ognuna delle quali ha 8 varianti per un totale di 64 divinità. Nella tradizione tibetana è, a volte, rappresentato come un loto di colore blu ad 8 petali. Ognuna delle 8 divinità fondamentali considerata la signora di una delle 8 direzioni, ed è associata ad uno dei fonemi chiamati aṣṭamātṛkā - “8 piccole madri” - ovvero:

a

ā

i

Ī

u

ū

ra

la

4.     Yoginīcakra, o cakra delle yoginī, è associato all’elemento Aria (vāyu). Si trova nella zona della gola ed è la dimora di sei/sette divinità note come ḍākinī, considerate le signore degli elementi della natura e dei tessuti corporei (dhātu). Nella tradizione tibetana è, a volte, rappresentato come un loto di colore rosso con 32 o 16 petali. Nel kubjikāmatatantra le ḍākinī sono citate con i seguenti nomi:

 

-         Ḍāmari;

-         Ramani;

-         Lambakarṇī o Lambika;

-         Kakini o Kaki;

-         Sakini;

-         Yakṣinī;

-         Kusuminī.

Nel Kulārṇavatantra e nel Ṣaṭcakranirūpaṇa sono citate invece come:

-         Ḍākinī;

-         Rakini;

-         Lakini;

-         Kakini;

-         Sakini;

-         Hakini

-         Yakṣiṇī.

Spesso le Ḍākinī, nel loro insieme, sono citate con le iniziali dei nomi delle prime sei di questo secondo elenco, ovvero “DA RA LA KA SA HA”.

5.  Khecarīcakra, o cakra delle Khecarī, è situato nel craniodel cranio, all’altezza del centro della fronte, o, secondo alcuni, sotto il sincipite. Il Khecarīcakra, collegato all'elemento Spazio (Ākāṣaè composto da quattro maṇḍala, i primi tre dei quali sono la dimora di 64 dee definite khecarī o, talvolta, yoginī:

1.     il sūryamaṇḍala, dimora di ventiquattro khecarī;

2.     il somamaṇḍala, dimora di trentadue khecari;

3.     il vahnimaṇḍala, dimora di otto khecari;

4.      l'ādimaṇḍala, in cui ha sede l'ādiyoni, fonte primordiale della creazione.

Nel quarto maṇḍala si manifesta Śiva nella forma detta Asitāṅga, che è identificato con il Navātman nell’atto di fare l’amore con la Devī Kubjikā. Sopra alla coppia c'è la Dea della Forma Suprema, che può essere realizzata solo attraverso una meditazione sui due amanti.

I primi tre maṇḍala sono rappresentati come fiori di loto, sui cui petali sono inscritte 48 sillabe:

Nei 24 petali del cerchio del Sole- sūryamaṇḍala – sono inscritte le consonanti da Ka a Bha;

Nei 16 petali del cerchio della Luna - somamaṇḍala – sono inscritti i sedici suoni vocalici.

Nel cerchio del Fuoco - vahnimaṇḍala – sono inscritte le restanti consonanti fino alle sibilanti (Sa ecc.).

Nel centro - ādimaṇḍala – si trovano le sillabe Ha e Kṣa[1].

Il Khecarīcakra è legato anche al mantra delle 15 sillabe o Kadimantra.

 

 

 Il Mantra dalle 15 sillabe

 

Esistono due diversi mantra dalle 15 sillabe o pañcadaśī.

Pañcadaśa significa “quindici” ad indicare il numero di bīja o sillabe seme di cui è composto – ognuno dei quali con varianti di vario genere, attribuiti rispettivamente ad Agastya (अगस्त्य) – uno degli autori degli inni vedici considerato il fondatore delle arti marziali del Sud dell’India – e alla sua sposa, la principessa Lopāmudrā लोपामुद्रा).

Mantra di Agastya:

कएईलह्रीं ka e ī la hrīṃ

हसकहलह्रीं ha sa ka ha la hrīṃ

सकलह्रीं sa ka la hrīṃ.

 

Mantra di Lopāmudrā:

हसकलह्रीं ha sa ka la hrīṃ

हसकहलह्रीं ha sa ka ha la hrīṃ

सकलह्रीं sa ka la hrīṃ.

In tutti e due i casi ogni verso è legati ad uno dei primi tre cerchi del Khecarīcakra, ovvero, rispettivamente:

-         Il primo verso (कएईलह्रीं ka e ī la hrīṃ o हसकलह्रीं ha sa ka la hrīṃ) al vahnimaṇḍala;

-         Il secondo verso (हसकहलह्रीं ha sa ka ha la hrīṃ) sūryamaṇḍala;

-         Il terzo verso (सकलह्रीं sa ka la hrīṃ) al somamaṇḍala.



[1] Secondo il Manthānabhairavatantra come citato dal sito https://www.wisdomlib.org/definition/khecaricakra le sillabe inscritte nel centro del Khecarīcakra sono Ma e Kṣa.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

IL SIGNIFICATO NASCOSTO DEI MANTRA - OM NAMAḤ ŚIVĀYA

Alzi la mano chi non ha mai recitato un mantra indiano o tibetano senza avere la minima idea di cosa significasse. C'è addirittura una scuola di pensiero che invita ad abbandonarsi al suono, alla vibrazione e ad ascoltare con il cuore. Il personale sentire viene considerato un metro di giudizio assai più affidabile della razionalità, e l'atteggiamento più comune, nell'approccio alla "Scienza dei mantra è il " Che mi frega di sapere cosa vuol dire? L'importante è che mi risuoni! ". Devo dire che ci sta. Tutto nell'universo è vibrazione e ovviamente quel che conta è il risultato. Se uno recita 108 volte Om Namaha Shivaya senza sapere che vuol dire e poi si sente in pace con il mondo, va bene così. Anzi va MOLTO bene! Ma bisogna considerare che nei testi "tecnici" dello yoga, non numerosissimi, si parla di una serie di valenze simboliche, modalità di  pronuncia e possibilità di "utilizzo" che, secondo me, la maggi

IL FIGLIO DI YOGANANDA E L'INDIGESTIONE DI BUDDHA

YOGANANDA Quando nel 1996, pochi giorni prima del suo centesimo compleanno Lorna Erskine, si abbandonò al sonno della morte, Ben, il figlio, decise di rivelare al mondo il suo segreto i: Yogananda, il casto e puro guru, era suo padre. Ne uscì fuori una terribile, e molto poco yogica, battaglia legale a colpi di foto, rivelazioni pruriginose ed esami del DNA tra la Self Realization Fellowship,la potente associazione fondata dal maestro, e gli eredi di Lorna (che chiedevano un sacco di soldi...). Ad un certo punto vennero fuori altri tre o quattro figli di discepole americane, tutti bisogna dire assai somiglianti al Guru, . E venne fuori una storia, confermata da alcuni fuoriusciti dalla Self Realization Fellowship (e quindi... interessati) riguardante un gruppo di "sorelle dell'amore" giovani discepole che avrebbero diviso con Yogananda il terzo piano del primo centro californiano della S:R:F. Certo, per tornare a Lorna, che se una donna americana bianca e b

IL TIZZONE ARDENTE

Mandukyakarika, alatasànti prakarana  45-50, 82 ; traduzione di  Raphael : "E' la coscienza - senza nascita, senza moto e non grossolana e allo stesso modo tranquilla e non duale - che sembra muoversi ed avere qualità Così la mente/coscienza è non nata e le anime sono altre-sì senza nascita. Coloro i quali conoscono ciò non cadono nell'errore/sofferenza. Come il movimento di un tizzone ardente sembra avere una linea dritta o curva così il movimento della coscienza appare essere il conoscitore e il conosciuto. Come il tizzone ardente quando non è in moto diviene libero dalle apparenze e dalla nascita, cosi la coscienza quando non è in movimento rimane libera dalle apparenze e dalla nascita. Quando il tizzone ardente è in moto , le apparenze non gli provengono da nessuna parte. Né esse vanno in altro luogo quando il tizzone ardente è fermo, né ad esso ritornano. Le apparenze non provengono dal tizzone ardente a causa della loro mancanza di sostanzialità. Anche nei confronti