Passa ai contenuti principali

Il Diagramma del Sole e la Meditazione della Tigre e del Dragone

 


In Cina  ha molto importanza un  quadrato magico, detto il "Diagramma dei dodici soli" . Il Diagramma dei dodici soli è legato alla cosiddetta "Circumambulazione del Ming Tang", un rito  col quale  l'imperatore, ad ogni autunno, dava inizio al "ciclo annuale".



Il Diagramma dei dodici soli per i taoisti nasconde anche   le istruzioni  di una tecnica di alchimia interiore

C'è un metodo , descritto in un testo del 1.600 (lo "XINGMING GUIZHI") per accumulare e reindirizzare l'energia (ch'i) a partire dal tan Tien inferiore (corrispondente più o meno al II cakra dello Yoga), un metodo che viene  definito "la Tigre ed il Dragone". 


All'inizio guidare il soffio (CH'I) mediante il pensiero e farlo ruotare a spirale dal centro all'esterno, dal piccolo al grande, recitando mentalmente la formula dei 12 caratteri: "La Tigre Bianca è nascosta ad Est, il Dragone Verde dorme ad Ovest" .
Recitare un verso per ogni giro, il tutto 36 volte.

Fare quindi il percorso opposto, dall'esterno al centro, recitando "la Tigre Bianca è nascosta verso Est, il Dragone Verde dorme verso Ovest" .
Il tutto 36 volte.

Dopo un po' non sarà più necessario far uso del pensiero:
"la Ruota del Dharma (Dharmakaya) gira da sola". 


La Ruota della Legge nell'alchimia interiore è la circolazione dell'energia attraverso i due canali di controllo e di funzione che per i cinesi percorrono il primo la colonna vertebrale (susumna ) dal I fino al VI  cakra, ed il secondo il busto, dal VI al II cakra.

Il percorso, che porta all'armonizzazione dei vari "soffi" è definito "Piccolo Circuito Celeste" o " Orbita Microcosmica" e si realizza portando la inspirazione dalla radice del naso al tan Tien inferiore.
espirando si conduce l'attenzione fino al sacro passando per gli organi genitali ed il perineo.
inspirando si conduce l'attenzione dall'osso sacro al punto in mezzo alle scapole, ed espirando si procede dalle scapole fino al tan tien superiore (VI cakra) passando per la nuca e la fontanella.

Il Dragone verde indica il mercurio, ma anche l'energia che tende verso l'alto (Fuoco) . La Tigre bianca il Piombo ma anche l'energia che tende verso il basso (Acqua). 

Il percorso a spirale dell'energia si effettuata a partire dal Tan tien inferiore ( II cakra) e visualizzando sull'addome "Il Diagramma del Cielo Posteriore".







Il Diagramma del Cielo posteriore  è  una rappresentazione dell'universo realizzata con gli "8 TRIGRAMMI": 

n. 1 KAN, l'acqua, il nord, il pericolo;

n. 2 KUN la Terra, il Sud-ovest, La Madre;

n.3 ZHEN, Il Tuono, l'Est, il Dragone; 

n.4 XUN, Il Vento, il Sud- Est, il Bosco; 

n.6 QIAN, il Cielo, il Nord-Ovest, il Padre;  

n. 7 DUI, il Lago, L'Ovest, la Ragazza ( la Tigre); 

n. 8 GEN, La Montagna, il Nord Est, il Ragazzo; 

n.9 LI, Il Fuoco, il Sud,la Luce. 

Il n.5 rappresenta il perno del movimento o la "Terra di mezzo"...il "Motore immobile

il Diagramma del cielo posteriore viene visualizzato in forma di cerchio con il 5 al centro e i trigrammi disposti sulla circonferenza secondo il percorso( dall'alto verso destra, movimento orario) 9,2,7,6,1, 8, 3, 4,9. 
Ma esiste anche una versione in forma di quadrato: 

4 - 9 - 2 
3 - 5 - 7 
8 - 1 - 6 


Commenti

Post popolari in questo blog

IL SIGNIFICATO NASCOSTO DEI MANTRA - OM NAMAḤ ŚIVĀYA

Alzi la mano chi non ha mai recitato un mantra indiano o tibetano senza avere la minima idea di cosa significasse. C'è addirittura una scuola di pensiero che invita ad abbandonarsi al suono, alla vibrazione e ad ascoltare con il cuore. Il personale sentire viene considerato un metro di giudizio assai più affidabile della razionalità, e l'atteggiamento più comune, nell'approccio alla "Scienza dei mantra è il " Che mi frega di sapere cosa vuol dire? L'importante è che mi risuoni! ". Devo dire che ci sta. Tutto nell'universo è vibrazione e ovviamente quel che conta è il risultato. Se uno recita 108 volte Om Namaha Shivaya senza sapere che vuol dire e poi si sente in pace con il mondo, va bene così. Anzi va MOLTO bene! Ma bisogna considerare che nei testi "tecnici" dello yoga, non numerosissimi, si parla di una serie di valenze simboliche, modalità di  pronuncia e possibilità di "utilizzo" che, secondo me, la maggi

L'UTILIZZAZIONE DELL'ORGASMO NELLO HAṬHAYOGA

  Qual è lo scopo principale dello Haṭhayoga ? Ingannare la malattia, la vecchiaia e la morte. La malattia, la vecchiaia e infine la morte - e quindi, per chi crede nella reincarnazione, la “trasmigrazione dell’anima – secondo lo Yoga medioevale, avvengono a causa dell’ Ariṣṭa , termine con cui si indica una particolare configurazione astrale che dipende dal giorno di nascita. Durante la vita dell’essere umano, la circolazione delle energie avviene quasi esclusivamente nel “canale di sinistra” - o “canale della Luna” - detto Iḍā e nel canale di destra – o “canale del Sole” - detto Piṅgalā e, di rado, nel canale centrale – o canale dell’Eclissi – detto Suṣumṇā. L’Ariṣṭa - che può essere sia di Sole sia di Luna – coincide con il deterioramento di uno dei due canali laterali, Iḍā e Piṅgalā, ed ha come effetto lo squilibrio della circolazione del flusso vitale Nei testi [1] si parla di “ spirazioni impetuose ”, che, ripetute per un certo numero di giorni, port

MEDITAZIONE: OCCHI APERTI O CHIUSI?

  Voi come meditate? Con gli occhi aperti o con gli occhi chiusi? Non è una domanda oziosa...  Esistono tre diverse modalità di meditare: - con gli occhi chiusi; - con gli occhi socchiusi; - con gli occhi aperti. Così come  esistono tre diverse modalità di recitare i mantra: - recitati o cantati; - bofonchiati; - silenziosi. Queste diverse modalità corrispondono a tre diversi livelli di profondità o pratica: 1. Livello basso (occhi chiusi e mantra recitato o cantato); 2. Livello medio (occhi socchiusi e mantra bofonchiato); 3. Livello avanzato (occhi aperti e mantra silenzioso). Questo almeno è ciò che mi hanno insegnato, ma qualche anno fa ho scoperto, con sorpresa devo dire, che in molte scuole di Yoga si insegna a meditare esclusivamente con gli occhi chiusi. Fermo restando che ognuno debba praticare come meglio gli aggrada, esistono, nello yoga come in ogni altra attività umana, dei "fondamentali", delle istruzioni di base che vengono impartite al primo incontro o alla pr