Passa ai contenuti principali

La Gabbia Dorata - Le Insidie della Ricerca del Sé

 


“La filosofia mozzerà le ali dell’angelo”

(John Keats)

 

 

È un dio annichilito, l'uomo. 

O un angelo caduto. 

L'ho letto un sacco di volte, l'ho anche scritto, mi pare. 

A volte si crede di sentirle le ali. 

O magari si sentono davvero, proprio lì, tra la schiena e le spalle, nel triangolo misterioso delle scapole. 

Sono strane ossa le scapole: sembrano slegate dallo scheletro, saranno tracce di un passato da pennuti? Chissà. 

A volte nel muoverle si alzano verso l'alto e pare di sentire un frusciare, come di seta; viene voglia di voltarsi, ma ci si ripensa. 

Meglio di no. Si trova un muro contro sole o un lampione che bagna di luce la strada della notte, si chiudono gli occhi e poi piano piano, con la lentezza ipocrita dei ragazzini che scartano i regali sotto l'albero, li si riapre. 

Quasi sempre l'ombra ci rassicura, niente piume e penne ad impreziosire la schiena. In fondo è quello che desideriamo, ché sarebbe un bel problema andare in giro con delle grandi ali. 

Difficile trovar posto sul tram. 

Al cinema non ci si potrebbe sedere che in ultima fila, per evitare discussioni imbarazzanti e nel periodo della caccia, poi, logicamente, si dovrebbe restar chiusi in casa. 

Succede a volte che nell'ombra ci sia qualcosa che non va: intravediamo delle ali piccole e inutili, come quelle dei dodo, estinti per malinconia. Allora ci si affretta a nasconderle, o a tagliarle se ci si riesce. 

Una volta su mille, nel socchiudere gli occhi, si vedono penne gigantesche, come quelle delle aquile dei sogni, e lì cominciano i problemi. Che si fa?  Si vola? Già in fondo è a quello che servono le ali. Se ci si lascia andare alla nostalgia del cielo, all'aria fresca che arrossa le gote, alla luce che non finisce mai, sarà difficile tornare indietro; le persone che amiamo, le cose che ci appartengono sono laggiù in basso e il volo è così bello che ci fa voglia di andare in alto, sempre più in alto. Fino a sparire. 

Brutta parola sparire... Che fare? Una soluzione, la più logica, la migliore forse, è quella di costruirsi delle gabbie; gabbie con le ruote, come i girelli che proteggono le gambe non ancora salde dei bambini. 

Ci sono tre tipi diversi di gabbie:

 Il primo ha sbarre di nebbia, una nebbiolina colorata tenuta insieme dalla mente. Non è una gran gabbia. Basta che la volontà si annacqui, basta un raggio d'alba e le sbarre si fanno farfalle di sogno. Difficile non seguirle. 


Il secondo tipo di gabbia ha sbarre di ferro. È grigio il ferro, e triste, quasi come il dodo. Quanto si può resistere? un mese? un anno? Prima o poi ci daremo un gran daffare con lime e lame per metallo, e unghie e denti, se non bastasse. 

La gabbia migliore è quella del terzo tipo: una gabbia d'oro. Ha anche un tetto, la gabbia d'oro, a forma di pagoda, sul quale spiccano statue di dei, santi e maestri con occhi di smeraldo e labbra di rubino. 

Andare in giro con la gabbia d'oro è bello, la gente si ferma a guardarti, ammira le tue ali, e tu, ogni tanto le fai fremere, come la carne degli amanti, un tremito sottile che manda in visibilio il pubblico. 

La gabbia d'oro è bella. 
Col tempo attratti dal luccichio e dalla vista di piume e penne, arrivano uccelli a frotte: corvi, canarini, piccioni e gazze imitatrici. 
Fanno allegria, però devi cominciare a curar le sbarre e il tetto. 
Devi ripulirli dal guano, lucidarli, e una goccia di profumo, dai, non ci sta mica male. 

Le gabbie d'oro non hanno serrature, ma chi è che se ne vorrebbe volar via? L'essenziale è mostrare le ali, far vedere che qualcuno ce le ha. "Allora pure io posso farcela, pure io potrei volare", si dicono l'un l'altro gli spettatori. Pian pianino la gabbia diventa la cosa più importante. 
Nessuno alla fine si chiede se il pennuto che la porta a spasso abbia solcato gli spazi infiniti una volta, una volta almeno. Non è importante: l’importante sono i riflessi delle sbarre d'oro, le immagini divine che sorridono dal tetto, e i racconti di voli antichi. 

Si insegna a muover le scapole, di tanto in tanto, in alto in basso, di lato. Si fanno ruotare per prepararsi a voli che alla fine non è che siano tanto desiderati. 

Meglio restare nella gabbia d'oro, meglio mostrar le penne nostre o altrui. 

Quello che conta è l'esperienza del volo. Le belle letture, le teorie, la "dottrina" dovrebbero venir dopo.  Ci si riconosce nelle parole scritte da generazioni senza nome, e ci si sente meno soli, ché il volo è sempre solitario, è bello quando succede e sono belle anche le parole, e ci piace metterle insieme, spostarle, accarezzarle. 
Son così belle che cominciamo a farne collezione, e le mettiamo una sull'altra. Pile e pile di parole si innalzano, tra loro vicine. Per tenerle insieme, facciamo tetti di libri e sopra i libri mettiamo le statue degli autori. 

Alla fine ci troviamo in un bell'universo, ordinato, preciso, tutto basato sul ricordo del volo.  Il dito che indica la luna non è la luna, si era usi dire un tempo. Però a volte della luna sembra che non glie ne importi niente a nessuno. 

Il dito va ad indicare il dito. E se qualcuno chiama il dito LUNA scrolliamo le grandi ali soddisfatti. 

(Ryu no Kokyu[1], “La Gabbia d’oro”)




[1] Ryu no kokyu, in giapponese “Respiro del Drago” o “Scuola del Respiro e della cadenza”, è il nome spirituale che mi fu dato nel 2006. Chi me lo attribuì mi riconosceva una serie di abilità non ordinarie di controllo e utilizzazione delle energie sottili, ciò che viene chiamato Ki in Giappone e Prana in India.

Commenti

Post popolari in questo blog

IL SIGNIFICATO NASCOSTO DEI MANTRA - OM NAMAḤ ŚIVĀYA

Alzi la mano chi non ha mai recitato un mantra indiano o tibetano senza avere la minima idea di cosa significasse. C'è addirittura una scuola di pensiero che invita ad abbandonarsi al suono, alla vibrazione e ad ascoltare con il cuore. Il personale sentire viene considerato un metro di giudizio assai più affidabile della razionalità, e l'atteggiamento più comune, nell'approccio alla "Scienza dei mantra è il " Che mi frega di sapere cosa vuol dire? L'importante è che mi risuoni! ". Devo dire che ci sta. Tutto nell'universo è vibrazione e ovviamente quel che conta è il risultato. Se uno recita 108 volte Om Namaha Shivaya senza sapere che vuol dire e poi si sente in pace con il mondo, va bene così. Anzi va MOLTO bene! Ma bisogna considerare che nei testi "tecnici" dello yoga, non numerosissimi, si parla di una serie di valenze simboliche, modalità di  pronuncia e possibilità di "utilizzo" che, secondo me, la maggi

L'UTILIZZAZIONE DELL'ORGASMO NELLO HAṬHAYOGA

  Qual è lo scopo principale dello Haṭhayoga ? Ingannare la malattia, la vecchiaia e la morte. La malattia, la vecchiaia e infine la morte - e quindi, per chi crede nella reincarnazione, la “trasmigrazione dell’anima – secondo lo Yoga medioevale, avvengono a causa dell’ Ariṣṭa , termine con cui si indica una particolare configurazione astrale che dipende dal giorno di nascita. Durante la vita dell’essere umano, la circolazione delle energie avviene quasi esclusivamente nel “canale di sinistra” - o “canale della Luna” - detto Iḍā e nel canale di destra – o “canale del Sole” - detto Piṅgalā e, di rado, nel canale centrale – o canale dell’Eclissi – detto Suṣumṇā. L’Ariṣṭa - che può essere sia di Sole sia di Luna – coincide con il deterioramento di uno dei due canali laterali, Iḍā e Piṅgalā, ed ha come effetto lo squilibrio della circolazione del flusso vitale Nei testi [1] si parla di “ spirazioni impetuose ”, che, ripetute per un certo numero di giorni, port

MEDITAZIONE: OCCHI APERTI O CHIUSI?

  Voi come meditate? Con gli occhi aperti o con gli occhi chiusi? Non è una domanda oziosa...  Esistono tre diverse modalità di meditare: - con gli occhi chiusi; - con gli occhi socchiusi; - con gli occhi aperti. Così come  esistono tre diverse modalità di recitare i mantra: - recitati o cantati; - bofonchiati; - silenziosi. Queste diverse modalità corrispondono a tre diversi livelli di profondità o pratica: 1. Livello basso (occhi chiusi e mantra recitato o cantato); 2. Livello medio (occhi socchiusi e mantra bofonchiato); 3. Livello avanzato (occhi aperti e mantra silenzioso). Questo almeno è ciò che mi hanno insegnato, ma qualche anno fa ho scoperto, con sorpresa devo dire, che in molte scuole di Yoga si insegna a meditare esclusivamente con gli occhi chiusi. Fermo restando che ognuno debba praticare come meglio gli aggrada, esistono, nello yoga come in ogni altra attività umana, dei "fondamentali", delle istruzioni di base che vengono impartite al primo incontro o alla pr