Passa ai contenuti principali

La Spirale Aurea e la Spirale di Latta

 


La serie di Fibonacci e la proporzione aurea mi hanno sempre affascinato, e, fino a poco tempo fa, le consideravo prove provate della capacità della mente umana di comprendere le leggi universali.

La serie Fibonacci è quella sequenza in cui , a parte il primo, ogni numero è la somma dei due precedenti: 1,1,2,3,5,8,13,21,34, 55, 89….

Se assembliamo una serie di quadrati che hanno per lati i numeri di Fibonacci viene fuori una meravigliosa spirale, detta “Spirale Aurea”, uguale uguale per forma e proporzioni, alle conchiglie di un mollusco chiamato “Nautilus”


La spirale aurea è caratterizzata dalla cosiddetta proporzione aurea ovvero:



 (a+b):a=a:b=1,618, dove 1,618 è il cosiddetto numero aureo.

Se sostituiamo alle lettere i numeri di Fibonacci il discorso si fa più chiaro, ad esempio:

(55+34):55=55:34=1,6180

Oppure:

(34+21):34=34:21=1,6180

O ancora:

(21+13):21=21:13=1,6180

1.618, il rapporto tra un numero di Fibonacci e il numero che lo precede è una costante chiamata anche costante di Fidia ed è l'approssimazione del  numero irrazionale 1,6180339807…

Meraviglioso, vero?

Verificare che una costante matematica regola perfettamente la creazione delle conchiglie, o il numero di petali di un fiore è emozionante, perchè conferma sia il fatto che Dio è l’Architetto dell’Universo, sia che noi, con le nostre menti limitate possiamo capire la logica con cui ha creato la manifestazione.

Meraviglioso, ripeto, solo che, purtroppo, non è vero

Basta una calcolatrice  per verificare che nessun numero delle serie Fibonacci diviso per il numero che lo precede, da per risultato il numero aureo, 1,6180339807 approssimato, di solito in 1,6180.

1:1= 1; 2:1=2;  3:2=1,5; 5:3=1,6666; 8:5=1,6; 13:8=1,625; 21:13=1,615384, 34:21=1,619047; 55:34=1,617647; 89:55=1,61(81); 144:89=1,617977; ecc. ecc.

Il risultato che più si avvicina al numero aureo sembra essere 987:610=1,6180327, ma a quanto pare si tratta di un caso più unico che raro.

Alla fine, siamo costretti ad ammettere che in una serie infinita di numeri risultanti dalla somma dei due numeri che li precedono, solo in pochissimi casi il risultato del rapporto tra il numero che segue e quello che precede è, quasi uguale al numero aureo. 

Quasi uguale ovviamente, significa che non è il numero aureo, esattamente come in una partita di calcio un palo è un quasi goal, ma non è propriamente un goal.

Calcolatrice alla mano, risulta evidente per far funzionare la relazione tra numero aureo e serie di Fibonacci sia necessario fare parecchie “aggiustatine”; 

In buona sostanza potremmo dire che la serie di Fibonacci è "quasi" collegata con il numero aureo e con la "spirale aurea", il che significa che non è affatto espressione di una legge universale ma è un fantastico gioco matematico, così come la proporzione aurea è una bellissima “ipotesi di lavoroper grafici, pittori e scultori, ma potrebbe non aver niente a che fare con le origini della manifestazione.

Immagino che questa “rivelazione” non toglierà il sonno a chi legge, come non lo toglierà a me, ovviamente, ma credo che potrebbe essere la base per interessanti riflessioni sulla creazione dei miti e delle credenze:

Molti yogi, filosofi e scienziati o pseudo tali tendono a costruire dei sistemi di interpretazione della realtà, o ad aderire a sistemi costruiti da altri.

Questi sistemi sono di solito  esteticamente e logicamente assai validi, e, anziché per prodotti della mente, ci piace scambiarli per Leggi Universali.

Accade poi che per trovare conferme alla validità di tali sistemi  cominciamo a fare delle aggiustatine - una limatina qua, una limatina là… - o, quando i risultati delle verifiche sono troppo diversi da quelli previsti, facciamo finta di niente, per paura di “rompere il giocattolo” .

All'essere umano non piace  dover ammere l'imperfezione della mente, e, pur di non far svanire, come rena di sogno le mirabilili architetture che chiama interpretazioni della realtà, è disposto a barare.

Le decine e decine di film, romanzi articoli e documentari sulla  serie di Fibonacci sono una conferma della nostra tendenza a preferire l'illusione della conoscenza alla conoscenza.

E così continuiamo a passare più tempo a inventar frottole che a vivere la vita,  covando, probabilmente la segreta speranza che la nostra vita sia eterna.....

 

Commenti

Post popolari in questo blog

IL SIGNIFICATO NASCOSTO DEI MANTRA - OM NAMAḤ ŚIVĀYA

Alzi la mano chi non ha mai recitato un mantra indiano o tibetano senza avere la minima idea di cosa significasse. C'è addirittura una scuola di pensiero che invita ad abbandonarsi al suono, alla vibrazione e ad ascoltare con il cuore. Il personale sentire viene considerato un metro di giudizio assai più affidabile della razionalità, e l'atteggiamento più comune, nell'approccio alla "Scienza dei mantra è il " Che mi frega di sapere cosa vuol dire? L'importante è che mi risuoni! ". Devo dire che ci sta. Tutto nell'universo è vibrazione e ovviamente quel che conta è il risultato. Se uno recita 108 volte Om Namaha Shivaya senza sapere che vuol dire e poi si sente in pace con il mondo, va bene così. Anzi va MOLTO bene! Ma bisogna considerare che nei testi "tecnici" dello yoga, non numerosissimi, si parla di una serie di valenze simboliche, modalità di  pronuncia e possibilità di "utilizzo" che, secondo me, la maggi

IL FIGLIO DI YOGANANDA E L'INDIGESTIONE DI BUDDHA

YOGANANDA Quando nel 1996, pochi giorni prima del suo centesimo compleanno Lorna Erskine, si abbandonò al sonno della morte, Ben, il figlio, decise di rivelare al mondo il suo segreto i: Yogananda, il casto e puro guru, era suo padre. Ne uscì fuori una terribile, e molto poco yogica, battaglia legale a colpi di foto, rivelazioni pruriginose ed esami del DNA tra la Self Realization Fellowship,la potente associazione fondata dal maestro, e gli eredi di Lorna (che chiedevano un sacco di soldi...). Ad un certo punto vennero fuori altri tre o quattro figli di discepole americane, tutti bisogna dire assai somiglianti al Guru, . E venne fuori una storia, confermata da alcuni fuoriusciti dalla Self Realization Fellowship (e quindi... interessati) riguardante un gruppo di "sorelle dell'amore" giovani discepole che avrebbero diviso con Yogananda il terzo piano del primo centro californiano della S:R:F. Certo, per tornare a Lorna, che se una donna americana bianca e b

IL TIZZONE ARDENTE

Mandukyakarika, alatasànti prakarana  45-50, 82 ; traduzione di  Raphael : "E' la coscienza - senza nascita, senza moto e non grossolana e allo stesso modo tranquilla e non duale - che sembra muoversi ed avere qualità Così la mente/coscienza è non nata e le anime sono altre-sì senza nascita. Coloro i quali conoscono ciò non cadono nell'errore/sofferenza. Come il movimento di un tizzone ardente sembra avere una linea dritta o curva così il movimento della coscienza appare essere il conoscitore e il conosciuto. Come il tizzone ardente quando non è in moto diviene libero dalle apparenze e dalla nascita, cosi la coscienza quando non è in movimento rimane libera dalle apparenze e dalla nascita. Quando il tizzone ardente è in moto , le apparenze non gli provengono da nessuna parte. Né esse vanno in altro luogo quando il tizzone ardente è fermo, né ad esso ritornano. Le apparenze non provengono dal tizzone ardente a causa della loro mancanza di sostanzialità. Anche nei confronti