Passa ai contenuti principali

Ramana, l'Ignoranza e la Bella dei Tre Mondi


 

Tripurā Rahasya di Haritāyana è un  testo che, secondo me, dovrebbero leggere tutti i praticanti e gli appassionati di Yoga. Tra l'altro era il libro preferito di Ramana Maharishi che lo commentò negli anni '30 ad uso dei suoi allievi (vedi "Ramana Maharsi, Tripura Rahasya, the Mystery Beyond the Trinity", a cura di Sri Ramananda Sarasvati).

 


Si tratta di un testo tantrico che tratta degli insegnamenti di Dattātreya a Paraśurāmaletteralmente Rāma con l'ascia, figlio del saggio Jamadagni.
Il commento di Ramana Maharishi al testo di Haritāyana e le note di Ramananda Sarasvati, sono illuminanti e stimolano intriganti riflessioni sul rapporto tra il tantrismo e lo Advaita Vedānta.

Il nucleo centrale degli insegnamenti di Dattātreya Ramana è la Śrī Vidyā,  la conoscenza della Dea tramite lo  Śrī Yantra e la pratica del Kadimantra  कएईलह्रीं हसक हलह्रीं सक ल ह्रीं 
[क ka - ए e - ई ī - ल la - ह्रीं hrīṃ -ह ha - स sa -क ka - ह ha - ल la - ह्रीं hrīṃ -स sa - क ka - ल la - ह्रीं hrīṃ],  ma è cosa buona e giusta, secondo me, perdere un po' di tempo a studiare le note, perchè emergono dei dettagli che potrebbe rivelarsi fondamentali per la nostra comprensione dello yoga.
La parola  Avidyā, ad esempio, che siamo abituati a intendere come "ignoranza metafisica" e  come un qualcosa di totalmente negativo opposto a Vidyā, , assume una valenza sensibilmente diversa perchè è considerata sinonimo di  Cit - tradotto spesso con "coscienza" - termine che, a sua volta, è considerato sinonimo di MāyāKuṇḍalinī e Śakti.
In altre parole  Avidyā, secondo l'autore e i commentatori del Tripurā Rahasya, è la Dea stessa chiamata TripurasundarīBhagavatī o, semplicemente, Devī. 
Da rifletterci.

Il testo integrale, commentato da Ramana maharishi, si può scaricare a questo indirizzo web: RAMANA MAHARISHI - TRIPURA RAHASYA

Commenti

Post popolari in questo blog

IL SIGNIFICATO NASCOSTO DEI MANTRA - OM NAMAḤ ŚIVĀYA

Alzi la mano chi non ha mai recitato un mantra indiano o tibetano senza avere la minima idea di cosa significasse. C'è addirittura una scuola di pensiero che invita ad abbandonarsi al suono, alla vibrazione e ad ascoltare con il cuore. Il personale sentire viene considerato un metro di giudizio assai più affidabile della razionalità, e l'atteggiamento più comune, nell'approccio alla "Scienza dei mantra è il " Che mi frega di sapere cosa vuol dire? L'importante è che mi risuoni! ". Devo dire che ci sta. Tutto nell'universo è vibrazione e ovviamente quel che conta è il risultato. Se uno recita 108 volte Om Namaha Shivaya senza sapere che vuol dire e poi si sente in pace con il mondo, va bene così. Anzi va MOLTO bene! Ma bisogna considerare che nei testi "tecnici" dello yoga, non numerosissimi, si parla di una serie di valenze simboliche, modalità di  pronuncia e possibilità di "utilizzo" che, secondo me, la maggi

IL FIGLIO DI YOGANANDA E L'INDIGESTIONE DI BUDDHA

YOGANANDA Quando nel 1996, pochi giorni prima del suo centesimo compleanno Lorna Erskine, si abbandonò al sonno della morte, Ben, il figlio, decise di rivelare al mondo il suo segreto i: Yogananda, il casto e puro guru, era suo padre. Ne uscì fuori una terribile, e molto poco yogica, battaglia legale a colpi di foto, rivelazioni pruriginose ed esami del DNA tra la Self Realization Fellowship,la potente associazione fondata dal maestro, e gli eredi di Lorna (che chiedevano un sacco di soldi...). Ad un certo punto vennero fuori altri tre o quattro figli di discepole americane, tutti bisogna dire assai somiglianti al Guru, . E venne fuori una storia, confermata da alcuni fuoriusciti dalla Self Realization Fellowship (e quindi... interessati) riguardante un gruppo di "sorelle dell'amore" giovani discepole che avrebbero diviso con Yogananda il terzo piano del primo centro californiano della S:R:F. Certo, per tornare a Lorna, che se una donna americana bianca e b

I CAKRA DEI NATH

    Nonostante in molti testi si parli esclusivamente di sei cakra + il cakra dei mille petali,   in genere nella tradizione Nath se ne enumerano nove: 1.      Brahmā Cakra  - corrispondente al  Mūlādhāra Cakra ; 2.      Svādhiṣṭāna Cakra  " – “centro di supporto del sé", “la sua propria dimora”; 3.      Nābhi Cakra "centro dell'ombelico"; 4.      Hṝdayādhāra "centro del cuore"; 5.      Kaṇṭha Cakra "centro della gola"; 6.      Tālu Cakra "Centro del palato"; 7.      Bhrū Cakra – “Centro tra le sopracciglia" non sempre identificabile con ajñā cakra , posto spesso al centro della fronte. 8.      Nirvāṇa Cakra che alcuni fanno corrispondere al brahmārandhra e altri ad ajñā cakra 9.      Ākāṣa Cakra "centro dello spazio", posto al sincipite per alcuni, sopra la testa secondo altri.   Un altro sistema di cakra presente nello Yoga dei Nāth è quello dei cinque maṇ