Passa ai contenuti principali

ELEMENTI DI GRAMMATICA PER SANSCRITISTI DILETTANTI (1)




योगः yogaḥ, NOMINATIVO m. (maschile) dalla radice verbali yuj , “agitarsi”, "estendersi", “tendersi”, “unire”;
Maschile Singolare Duale Plurale
1 Nominativo: yogaḥ yogau yogāḥ
2 Vocativo: yoga yogau yogāḥ
3 Accusativo yogam yogau yogān
4 Strumentale yogena yogābhyām yogaiḥ
5 Dativo yogāya yogābhyām yogebhyaḥ
6 Ablativo yogāt yogābhyām yogebhyaḥ
7 Genitivo yogasya yogayoḥ yogānām
8 Locativo yoge yogayoḥ yogeṣu.
NOTE.
Il NOMINATIVO è il caso, riconoscibile dalla desinenza ("ah" nel caso della parola Yoga al nominativo singolare) in cui il soggetto concorda sempre - per ciò che riguarda "il numero" con il verbo, sia questo esplicito, sia questo implicito. "Lo Yoga unisce".
Quando il verbo indica un azione diretta è il soggetto ad essere denotato dalla desinenza del nominativo, p. e. "rājā yajati", "Il re offre un sacrificio", Quando invece il verbo è per cos' dire passivo, è l'oggetto ad essere connotato dalla desinenza: "kumbhas [kumbhaḥ] tvayā kriyate", "il vaso viene fatto da te".
Il VOCATIVO è il caso in cui si invoca una divinità o una persona, esempio "OM TARE..." significa " OM - O Tara.....". Il Vocativo [N.B. controllare sempre le mie affermazioni....non sono un sanscritista...] è molto simile al nominativo e non è citato da Pāṇini. Questo può generare confusione nelle traduzioni. altro esempio (preso da https://sathyasai.com/sanscrito/sintassi/casi/) "brūhi, sakhe; kva yāsyasi?"; con "sakhe" che è vocativo di "sakhi", "dimmi amico, dove stai andando?".
L'ACCUSATIVO è il caso in cui si fa riferimento a ciò che è "oggetto dell'azione", cioè quendo si usa un verbo transitivo. Esempio: "Skanda uccise [l'asura] Taraka". La desinenza di Taraka dovrebbe essere in questo caso, credo AM. In sanscrito si invertono verbo transitivo e oggetto, per cui la costruzione sarebbe "SKANDA TARAKA UCCISE". Esempio in sanscrito: "gajaṁ paśyāmi" , "[io]vedo un elefante",
Lo STRUMENTALE è il caso in cui la desinenza caratterizza lo strumento "con cui" viene effettuata un'azione, esempio "io taglio la carne con il coltello", oppure "Io cammino con Laura". In sanscrito: "kāṣṭhaṁ parasunā pāṭayāmi “, "spacco la legna con la mia scure". nel caso di camminare con qualcuno si aggiunge la preposizione "con", "saha": "putreṇa saha pitā gataḥ", "il padre (pitā) se ne andò, si mosse (gataḥ) con (saha) il figlio (putreṇa).
Il DATIVO è il caso in cui si indica la persona a cui viene “offerto”, “donato”, “dato” (appunto) qualcosa: sivāya namaḥ - ad esempio - “rendo omaggio/mi inchino a sivā; ma si usa anche per indicare l’obbiettivo, la destinazione di un qualcosa, ad esempio: “yāpāya dāru”, “legna per fare un palo”.
L’ABLATIVO è, al contrario, il caso che esprime l’origine di un qualcosa, ad esempio” siṁhapurād āgatā nauḥ” “la nave venuta dalla “città dei leoni” (siṁhapura). Una curiosità: la paternità viene indicata dall’ablativo, mentre la maternità viene indicata dal locativo: brāhmaṇāc caṇdālāyāṁ jātaḥ (“generato da un bramino [ablativo] nel [grembo di] una donna paria” [loc.]).
L’ablativo si usa anche nei comparativi, esempio: “candrāt sūryaḥ śucitaraḥ”, “Il Sole è più luminoso della Luna”; A volteil solo fatto che sia accompagnato da un regime all’ablativo basta a dare un valore comparativo a un aggettivo al positivo: vadhvā api lakṣmīḥ priyā “Lakṣmī è [più] cara [al mio cuore] di [mia] moglie stessa” (citazione tratta da https://sathyasai.com/sanscrito/sintassi/casi/).
Il GENITIVO indica il possesso – per esempio: “rājñaḥ purusaḥ”, “l’uomo del re”, ma nel sanscrito classico il suo uso è, tra virgolette, “fluido” per cui “rājñaḥ purusaḥ” diventa “rājapuruṣaḥ” , o “mama mātā” – “la madre di me” – diventa “madmātātā”
(anche questi esempi sono tratti da https://sathyasai.com/sanscrito/sintassi/casi/).

Il LOCATIVO, come dice la parola, indica il “luogo” sia nel tempo sia nello spazio; per esempio “niśāyām asedur yamunātīre” ovvero di notte (niśāyām locativo di niśā) si accamparono sulle rive del fiume Yamunā” (yamunātīre locativo di yamuna). 

Commenti

Post popolari in questo blog

IL SIGNIFICATO NASCOSTO DEI MANTRA - OM NAMAḤ ŚIVĀYA

Alzi la mano chi non ha mai recitato un mantra indiano o tibetano senza avere la minima idea di cosa significasse. C'è addirittura una scuola di pensiero che invita ad abbandonarsi al suono, alla vibrazione e ad ascoltare con il cuore. Il personale sentire viene considerato un metro di giudizio assai più affidabile della razionalità, e l'atteggiamento più comune, nell'approccio alla "Scienza dei mantra è il " Che mi frega di sapere cosa vuol dire? L'importante è che mi risuoni! ". Devo dire che ci sta. Tutto nell'universo è vibrazione e ovviamente quel che conta è il risultato. Se uno recita 108 volte Om Namaha Shivaya senza sapere che vuol dire e poi si sente in pace con il mondo, va bene così. Anzi va MOLTO bene! Ma bisogna considerare che nei testi "tecnici" dello yoga, non numerosissimi, si parla di una serie di valenze simboliche, modalità di  pronuncia e possibilità di "utilizzo" che, secondo me, la maggi

IL FIGLIO DI YOGANANDA E L'INDIGESTIONE DI BUDDHA

YOGANANDA Quando nel 1996, pochi giorni prima del suo centesimo compleanno Lorna Erskine, si abbandonò al sonno della morte, Ben, il figlio, decise di rivelare al mondo il suo segreto i: Yogananda, il casto e puro guru, era suo padre. Ne uscì fuori una terribile, e molto poco yogica, battaglia legale a colpi di foto, rivelazioni pruriginose ed esami del DNA tra la Self Realization Fellowship,la potente associazione fondata dal maestro, e gli eredi di Lorna (che chiedevano un sacco di soldi...). Ad un certo punto vennero fuori altri tre o quattro figli di discepole americane, tutti bisogna dire assai somiglianti al Guru, . E venne fuori una storia, confermata da alcuni fuoriusciti dalla Self Realization Fellowship (e quindi... interessati) riguardante un gruppo di "sorelle dell'amore" giovani discepole che avrebbero diviso con Yogananda il terzo piano del primo centro californiano della S:R:F. Certo, per tornare a Lorna, che se una donna americana bianca e b

I CAKRA DEI NATH

    Nonostante in molti testi si parli esclusivamente di sei cakra + il cakra dei mille petali,   in genere nella tradizione Nath se ne enumerano nove: 1.      Brahmā Cakra  - corrispondente al  Mūlādhāra Cakra ; 2.      Svādhiṣṭāna Cakra  " – “centro di supporto del sé", “la sua propria dimora”; 3.      Nābhi Cakra "centro dell'ombelico"; 4.      Hṝdayādhāra "centro del cuore"; 5.      Kaṇṭha Cakra "centro della gola"; 6.      Tālu Cakra "Centro del palato"; 7.      Bhrū Cakra – “Centro tra le sopracciglia" non sempre identificabile con ajñā cakra , posto spesso al centro della fronte. 8.      Nirvāṇa Cakra che alcuni fanno corrispondere al brahmārandhra e altri ad ajñā cakra 9.      Ākāṣa Cakra "centro dello spazio", posto al sincipite per alcuni, sopra la testa secondo altri.   Un altro sistema di cakra presente nello Yoga dei Nāth è quello dei cinque maṇ