Passa ai contenuti principali

TANTRA - LA LINGUA DI KALI


Tratto da: "ESTASI E CONOSCENZA-IL RUOLO DELLA DONNA NEL TANTRA"(https://www.amazon.it/Estasi-conoscenza-Paolo-Proietti/dp/8894842134)

Śiva è il signore delle bestie. 
Śiva è la danza selvaggia e tenera, insieme, della creazione. 
Soprattutto Śiva è il Dio dell'Oltre. 
Oltre i confini, oltre le leggi e le capacità della mente raziocinante.
C’è un riflesso della luce di Śiva in ogni uomo, in ogni donna c'è una goccia del sangue della Dea. Anzi la donna è  “la” Dea. Ed è maestra, ma deve essere risvegliata al suo ruolo. Dirlo oggi sembra quasi un eresia: mai come in questi tempi si è parlato tanto di femminilità e risveglio della Dea, di Donna con la D maiuscola e sessualità femminile, di perinei vissuti e di lingua della luna, eppure... eppure mi pare che le donne non si ricordino chi sono. Mi pare che Dea a son di ripeterlo sia divenuta una parola non vuota, ma assopita, quasi che la lingua rossa di Kālī si fosse dimenticata di come si fa ad uscire, impegnata più a danzare nella bocca per ingraziarsi con frasi dorate la società, che l'ha sfruttata e usata come oggetto di piacere, serva e balia, che per leccare, golosa il sangue della vita che da lei stessa è generata.  Solo lei, Kālī, può insegnarci ad ascoltare nella carne il canto divino della creazione, lei che sembra nera come la notte solo a chi non le va troppo vicino, per la paura che il vuoto lo risucchi e il fantasma dell'ego si sveli per quello che è: niente. Le donne non dovrebbero mai dimenticare chi sono, non dovrebbero mai dimenticare che in loro scorre una goccia del sangue della Dea.
Danzano insieme, Śiva e la sua Sposa, e insegnano, con il Tantra la via dell’Amore Supremo. I loro insegnamenti non sono tecniche per godere di più, o aumentare il livello delle prestazioni erotiche. Così come le posture e i gesti dello haṭhayoga non sono esercizi ginnici. Sono riti di percezione e utilizzazione di energie naturali, forti, potenti come il canto divino che ha dato il via alla creazione. Sono le energie della trasformazione continua e ineluttabile dell'Essere Umano. Sono il Canto d'amore dell'universo per se stesso, il vero sé, e cantando e danzando insieme a lui noi diveniamo UNO. 
Perché dentro di noi c'è un nucleo forte e vitale di Amore allo stato puro. 
Se si pratica yoga, veramente, si penetra il nostro cuore e si porta alla luce quel  nucleo indistruttibile di Amore, riscoprendo, nella Bolla della beatitudine, che “l’inconcepibile non è per questo meno reale.”
 Alziamo gli occhi a ringraziare il cielo per averci dato l'opportunità di esistere, pensare, parlare, amare.... E aspettiamo che l'energia della Creazione inizi a vibrare nelle nostre viscere, nelle ossa, nella carne e ci spinga a danzare. Questo è Tantra! 
Tutte le filosofie comode e ben confezionate, i lustrini delle analisi psicologiche e psicologizzanti della realtà, i meschini desideri di controllo altrui mascherati da teorie pseudo-scientifiche, se ne svaniranno come la nebbia al primo sole dell'alba.
La vita dell'uomo quanto può durare? 50? 100 anni? Vogliamo perder tempo in chiacchiere e trasformare la morte in un oceano di rimpianti? 
L'energia dell'Amore , che è l'energia dell'Universo è inconcepibile e inarrestabile. Basta lasciarla fluire. E' facile. 
Eppure siamo ancora qui, imperterriti a cercare un sistema di interpretazione razionale, a tentare di giustificare con teoremi letti sui libri la paura di liberare l'inconcepibile, infinita, inarrestabile forza dell'Amore. 
Costruiamo barriere mentali, e cerchiamo di convincere coloro, che più fortunati di noi, sanno far vibrare la loro corda interiore al ritmo dell'universo, a limitarsi, nascondersi, costruire barriere. 
Non si sa mai, potrebbero risvegliare la Bestia dentro di Noi. 
Quella Bestia che non è altri che  la danza di Śiva e Śakti, l'Amore Infinito, la felicità senza limiti. 

Commenti

Post popolari in questo blog

IL SIGNIFICATO NASCOSTO DEI MANTRA - OM NAMAḤ ŚIVĀYA

Alzi la mano chi non ha mai recitato un mantra indiano o tibetano senza avere la minima idea di cosa significasse. C'è addirittura una scuola di pensiero che invita ad abbandonarsi al suono, alla vibrazione e ad ascoltare con il cuore. Il personale sentire viene considerato un metro di giudizio assai più affidabile della razionalità, e l'atteggiamento più comune, nell'approccio alla "Scienza dei mantra è il " Che mi frega di sapere cosa vuol dire? L'importante è che mi risuoni! ". Devo dire che ci sta. Tutto nell'universo è vibrazione e ovviamente quel che conta è il risultato. Se uno recita 108 volte Om Namaha Shivaya senza sapere che vuol dire e poi si sente in pace con il mondo, va bene così. Anzi va MOLTO bene! Ma bisogna considerare che nei testi "tecnici" dello yoga, non numerosissimi, si parla di una serie di valenze simboliche, modalità di  pronuncia e possibilità di "utilizzo" che, secondo me, la maggi

L'UTILIZZAZIONE DELL'ORGASMO NELLO HAṬHAYOGA

  Qual è lo scopo principale dello Haṭhayoga ? Ingannare la malattia, la vecchiaia e la morte. La malattia, la vecchiaia e infine la morte - e quindi, per chi crede nella reincarnazione, la “trasmigrazione dell’anima – secondo lo Yoga medioevale, avvengono a causa dell’ Ariṣṭa , termine con cui si indica una particolare configurazione astrale che dipende dal giorno di nascita. Durante la vita dell’essere umano, la circolazione delle energie avviene quasi esclusivamente nel “canale di sinistra” - o “canale della Luna” - detto Iḍā e nel canale di destra – o “canale del Sole” - detto Piṅgalā e, di rado, nel canale centrale – o canale dell’Eclissi – detto Suṣumṇā. L’Ariṣṭa - che può essere sia di Sole sia di Luna – coincide con il deterioramento di uno dei due canali laterali, Iḍā e Piṅgalā, ed ha come effetto lo squilibrio della circolazione del flusso vitale Nei testi [1] si parla di “ spirazioni impetuose ”, che, ripetute per un certo numero di giorni, port

MEDITAZIONE: OCCHI APERTI O CHIUSI?

  Voi come meditate? Con gli occhi aperti o con gli occhi chiusi? Non è una domanda oziosa...  Esistono tre diverse modalità di meditare: - con gli occhi chiusi; - con gli occhi socchiusi; - con gli occhi aperti. Così come  esistono tre diverse modalità di recitare i mantra: - recitati o cantati; - bofonchiati; - silenziosi. Queste diverse modalità corrispondono a tre diversi livelli di profondità o pratica: 1. Livello basso (occhi chiusi e mantra recitato o cantato); 2. Livello medio (occhi socchiusi e mantra bofonchiato); 3. Livello avanzato (occhi aperti e mantra silenzioso). Questo almeno è ciò che mi hanno insegnato, ma qualche anno fa ho scoperto, con sorpresa devo dire, che in molte scuole di Yoga si insegna a meditare esclusivamente con gli occhi chiusi. Fermo restando che ognuno debba praticare come meglio gli aggrada, esistono, nello yoga come in ogni altra attività umana, dei "fondamentali", delle istruzioni di base che vengono impartite al primo incontro o alla pr