Passa ai contenuti principali

Enstasi - Lo Yoga come Arte di Morire a Se Stessi

 


“Traccia un confine tra il prima e il dopo”.

Takuan Soho, “Sogni”, Luni Editrice.

 

 

Lo yoga è la pratica del samādhi.

Il samādhi o l’enstasi come lo chiamava Mircea Eliade, è il sentirsi uno con l'universo e il percepire come tutti gli eventi si pieghino al volere di una potenza sconosciuta che ti sta indicando una strada, “quella” strada. Samādhi è l’esperienza straordinaria che confonde e trasforma la mente. A volte è il risultato di esercizi, di pratiche ascetiche o dell’assunzione di droghe. Altre accade, così senza motivo.

 D’improvviso gli oggetti esterni ci paiono essere più luminosi, i colori più vivi, le piante sembrano crescere più velocemente e sembra che crescano per noi. Accade di pensare ad un animale o ad una persona ed ecco che compaiono. I testi sacri ci sembrano improvvisamente chiari (e lo sono!) e si indovinano tracce e coincidenze che agli altri sembrano oscure. Chiudendo gli occhi figure meravigliose e coloratissime compaiono nella nostra mente e visualizzando una Dea o una figura mitica essa appare come fosse reale. Il samādhi (“questo samādhi”) è la fase "caleidoscopica" della pratica, la meraviglia del mondo creato dalla Dea che si palesa davanti ai nostri occhi. Tutto è meraviglioso e si ha l'idea di aver compreso in un istante tutto ciò che c'è da comprendere. Questi stati sono spesso temporanei. Può accadere che non tornino neppure più e ne resti solo il ricordo. Da alcuni il ricordo è conservato come un segreto tesoro, da altri è trasformato in una sorta di nevrosi da "paradiso perduto" e la vita si trasforma in un'accanita ricerca di quello stato di beatitudine. Quel che è certo è che niente dopo il samādhi sarà più come prima. È un territorio in cui, chi prima di te è arrivato, ti viene incontro e ti mostra i fiori più colorati, le rocce dalle quali puoi goderti tramonti belli fino alle lacrime. È là, al culmine dell’emozione, che bisogna avere la lucidità per tracciare un confine tra il prima e il dopo. L'esperienza c'è, c'è stata ed ha modificato la mente, ma il rumore del mondo continua ad attrarti e spesso, senza volere, torni al punto dell'inizio. 

Lo yoga è un’amante gelosa, vuole tutto per sé, non sopporta ricordi e rimpianti e condanna all’oblio chi cerca di portarsi dietro i fantasmi del passato. E invece occorre ricordarsi di sé in ogni istante, in ogni momento. La consuetudine, la tendenza ad utilizzare strutture mentali ormai logore dopo l'esperienza del samādhi, porta a dimenticare. C'è una luce particolare, suoni e sapori che paiono indimenticabili. E poi, d'un tratto, ne rimane solo un vago ricordo. Come foto ingiallite in cui non riesci a trovare il sorriso e lo sguardo di amanti lontane. Rimane la nostalgia. A volte neppure quella. Il problema è che l’io di prima, con i suoi sogni, speranze e memoria, non c’è più e finisci per trovarti, spaesato, in una terra di mezzo, incapace sia di rivivere l’esperienza sia di godere del quotidiano. Occorre coraggio per tracciare il confine. 

- “Io sono il mio passato, la mia memoria, la mia infanzia” - dice il piccolo ego – “Come potrei sentirmi intero senza ricordi?” - È per questo, per tacitare i piagnucolii dell’ego che occorre tracciare il confine tra il prima e il dopo. 

 Il sapore dell'esperienza deve sostituire i ricordi più antichi ed amati. A chi volesse intraprendere, ora, la via dello yoga direi di osservare i muri ed i cancelli delle case più vecchie del suo paese. Di guardarli come se fossero opere d'arte mai viste, o donne sconosciute dagli occhi neri come la notte. - “Pensa a quanti baci, addii, liti davanti a quei muri” – Lutti forse, e tragedie impensate. O magari degli amori sublimi. La consuetudine rende invisibili luoghi che un tempo, per alcuni, furono teatro di gesta che sembravano eterne. - “Traccia il confine” - direi all’aspirante yogin – “E scrivi” -

 Scrivi le esperienze che si accompagnano alla pratica, anche quelle che ti sembrano più sciocche. Scrivi i sogni. Raccogli gli oggetti che attirano anche per un istante la tua attenzione.  Se si tratta di un qualcosa di importante, qualcosa che modifica la mente e la percezione del mondo, una volta che la sabbia dell'oblio, ti riporterà, giustamente, con i piedi per terra, la parola scritta, il sasso raccolto in quel prato, il disegno che esprime il sentire confuso di un sogno inspiegabile, saranno le chiavi per ricordarti di te.

È un arte lo yoga, l’arte di morire da vivi. Non è bello da dirsi, lo so. Io sono morto, più volte e più volte ho dimenticato, cercando di aggrapparmi ad una vita che non esisteva più. Quando le energie della creazione, liberate dal samādhi, invadono quella che, sino ad un attimo prima, chiamavi realtà non hai scelta: o ti arrendi o assisterai, attonito alla distruzione di tutto ciò che ami. Io l’ho imparato a mie spese.

Commenti

  1. Sei mai stato vittima di una truffa? Hai perso il portafoglio o i soldi a causa di falsi hacker o istituti di credito online? Ti imploro di contattare questo fidato hacker ed esperto di recupero GENUINE HACKER. Sono stato vittima di persone false che si atteggiavano a opzioni binarie e investitori di bitcoin, ho perso una somma di $ 10.000 e 2 BTC dal mio portafoglio bitcoin a causa di questi truffatori. Ci è voluto un po' prima che mi rendessi conto che erano falsi e mi facessi davvero male. Poi un mio amico ne ha sentito parlare e mi ha consigliato a GENUINE HACKER che mi ha aiutato a recuperare tutto ciò che avevo perso. Per ulteriori informazioni inviare un'e-mail a GENUINEHACKERS000@GMAIL.COM o tramite WhatsApp +1 (260) 218-3592.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

IL SIGNIFICATO NASCOSTO DEI MANTRA - OM NAMAḤ ŚIVĀYA

Alzi la mano chi non ha mai recitato un mantra indiano o tibetano senza avere la minima idea di cosa significasse. C'è addirittura una scuola di pensiero che invita ad abbandonarsi al suono, alla vibrazione e ad ascoltare con il cuore. Il personale sentire viene considerato un metro di giudizio assai più affidabile della razionalità, e l'atteggiamento più comune, nell'approccio alla "Scienza dei mantra è il " Che mi frega di sapere cosa vuol dire? L'importante è che mi risuoni! ". Devo dire che ci sta. Tutto nell'universo è vibrazione e ovviamente quel che conta è il risultato. Se uno recita 108 volte Om Namaha Shivaya senza sapere che vuol dire e poi si sente in pace con il mondo, va bene così. Anzi va MOLTO bene! Ma bisogna considerare che nei testi "tecnici" dello yoga, non numerosissimi, si parla di una serie di valenze simboliche, modalità di  pronuncia e possibilità di "utilizzo" che, secondo me, la maggi

L'UTILIZZAZIONE DELL'ORGASMO NELLO HAṬHAYOGA

  Qual è lo scopo principale dello Haṭhayoga ? Ingannare la malattia, la vecchiaia e la morte. La malattia, la vecchiaia e infine la morte - e quindi, per chi crede nella reincarnazione, la “trasmigrazione dell’anima – secondo lo Yoga medioevale, avvengono a causa dell’ Ariṣṭa , termine con cui si indica una particolare configurazione astrale che dipende dal giorno di nascita. Durante la vita dell’essere umano, la circolazione delle energie avviene quasi esclusivamente nel “canale di sinistra” - o “canale della Luna” - detto Iḍā e nel canale di destra – o “canale del Sole” - detto Piṅgalā e, di rado, nel canale centrale – o canale dell’Eclissi – detto Suṣumṇā. L’Ariṣṭa - che può essere sia di Sole sia di Luna – coincide con il deterioramento di uno dei due canali laterali, Iḍā e Piṅgalā, ed ha come effetto lo squilibrio della circolazione del flusso vitale Nei testi [1] si parla di “ spirazioni impetuose ”, che, ripetute per un certo numero di giorni, port